Italia


Abruzzo – produzione di vino 2016 e stima 2017

nessun commento

 

La produzione di quasi 4 milioni di ettolitri registrata nel 2016 in Abruzzo è stata una specie di massimo storico per la regione, con una crescita di un terzo rispetto al 2015 e un livello del 40% superiore alla media storica 2005-2016. Fissare questo punto è importante per comprendere anche il 2017, anno in cui si prevede un calo del 30% a 2.8 milioni di ettolitri, non dissimile dalla media italiana: se confermato, questo dato non sarebbe che il 5% sotto la media storica produttiva della regione, quando invece per l’Italia si prevede un livello del 15% circa inferiore alle medie storiche. L’analisi della produzione 2016 mette comunque in luce che questo milione di ettolitri prodotto in più si è tutto riversato nella categoria dei vini da tavola, rossi soprattutto, mentre i vini DOC sono rimasti all’incirca stabili intorno a 1 milione di ettolitri. Passiamo ai dati 2016 di dettaglio.

Continua a leggere »

Il valore dei vigneti in Italia per regione e provincia – dati CREA, aggiornamento 2016

nessun commento


 

Il valore delle vigne è naturalmente un argomento molto caldo, soprattutto negli ultimi tempi viste le transazioni a prezzi eccezionalmente elevati in alcune aree ad altissima vocazione. Siccome “fa notizia” tutti si focalizzano su queste operazioni e sognano valori eccezionalmente elevati delle loro vigne. In realtà, in Italia ci sono 625mila ettari di vigneto (o giù di lì) e il loro valore non è certamente paragonabile, in media, a quello di quelle notizie. Secondo CREA (xxx) di cui oggi rielaboriamo i dati nel primo di due articoli su cui ho lavorato, il valore medio di queste vigne è 51mila euro per ettaro. Questo ci fornisce una dimensione del valore fondiario della vigna italiana: 32 miliardi di euro. La variabilità è incredibilmente elevata: dai 13mila euro per ettaro della Sardegna ai 212mila del Trentino, dai 10mila della provincia Medio Campidano ai 305mila della provincia di Bolzano. Oltre a questi dati, troverete le analisi di variazione del valore delle vigne. I risultati sono molto simili a quelli che abbiamo sul blog calcolato guardando all’altro “taglio”, quello per denominazioni/località. Fatto 100 il valore del vigneto nel 2000 oggi siamo a circa 150. Ma anche qui non tutte le regioni sono andate alla stessa maniera. Come leggerete Piemonte e Friuli Venezia Giulia sono le due regioni che hanno beneficiato maggiormente dell’aumento dei valori delle vigne dal 2011 a questa parte, circa il 2% annuo a fronte di una media italiana nell’intorno del +1% annuo. E’ ora di passare ad analizzare qualche dato insieme.

Continua a leggere »

Lazio – produzione di vino 2016 e stima 2017

nessun commento

 

In attesa di avere i dettagli da ISTAT della vendemmia 2017, completiamo il quadro dettagliato 2016 delle regioni italiane, visto che alcune mancano ancora all’appello. Il Lazio è una di queste e mostra dei dati piuttosto negativi. Nel 2016 la produzione di vino è scesa a 1.52 milioni di ettolitri, -9% rispetto al 2015 quando invece in Italia si è verificato un incremento del 6%; infatti, la vendemmia 2016 nel Lazio è sotto la media storica in una annata considerata eccezionale. Nel 2017 probabilmente il post avrà toni simili, dato che i dati molto preliminari parlando di un calo di oltre il 30% della produzione laziale, contro una vendemmia che sembrerebbe essere a -25/30% a livello nazionale. Non tutti i numeri sono però da leggere in negativo: il Lazio continua a muoversi nella direzione del vino di qualità, con i vini comuni al minimo storico nel 2016 (21% della produzione), a fronte di una crescita dei vini IGT che ormai sfiorano il 30% della produzione. Il secondo trend è quello dei vini rossi, che storicamente in regione sono stati molto poco rappresentati e che nel 2016 salgono al 28% della produzione, il massimo da quando analizziamo i dati. Passiamo ai numeri.

Continua a leggere »

La classifica dei grandi marchi di vino nel mondo Liv-Ex – aggiornamento 2017

1 commento

 

Come giustamente titola Liv-ex, il 2017 è stato l’anno dei vini di Borgogna. Anche se la classifica dei vini più pregiati al mondo è come lo scorso anno dominata dal trio Lafite Rothschild, Margaux e Mouton Rothschild, ben 4 dei primi 10 vini della classifica sono borgognoni e diventano 24 nei primi 100, un livello mai visto prima come mostrano i contributi grafici nel post. Il tutto a spese dei vini di Bordeaux, mai come quest’anno tanto pochi nella classifica e in parte dei vini italiani che scendono a 8 rispetto ai 9 del 2016. I vini di Borgogna, come vedremo nel post vincono anche come performance del prezzo, +19% in media all’interno di uno scenario molto positivo (+16%). Va però sottolineato che questi sono prezzi in sterline e che, mediamente, la svalutazione contro l’euro è stata del 7% (da circa 0.81 sterline per un euro a 0.87). Talchè i prezzi pur in crescita mettendosi dalla parte dell’euro sarebbero da vedere in crescita di poco meno del 10% in media. Il primo vino italiano in classifica è Masseto, al 20esimo posto, seguito da Sassicaia al 33esimo e da Gaja al 56esimo. Gli altri itaiani in classifica sono Solaia, Ornellaia, Tignanello, Giacomo Conterno e Casanova di Neri. Passiamo a commentare qualche dato.

 

Continua a leggere »

Vendite al dettaglio di vino nella GDO in Italia – dati IRI, aggiornamento 2017

1 commento

Fonte: IRI

Le vendite di vino nella GDO italiana hanno mantenuto un passo del +3% circa anche nell’ultimo trimestre dell’anno, il più critico per il prodotto, particolarmente nel segmento degli spumanti. I volumi di vendita restano inchiodato allo zero-virgola, più o meno, e tutta la crescita viene dai prezzi (che si possono stimare in crescita dell’1-2% a seconda della categoria) e dal mix di vini fermi che si sposta verso i vini DOC/DOCG. Anche questo fine d’anno è stato caratterizzato dalla forte crescita degli spumanti, +7% (contro +2% per gli Champagne), dove il metodo “Charmat secco” (ovvero il Prosecco) e il “metodo classico” continuano a guadagnare peso. Riassumendo, il 2017 è un anno decisamente positivo per le vendite di vino e spumante nella GDO: il dato finale è 2.31 miliardi di euro, +2.8% per 7.6 milioni di ettolitri di vendite. Il dato copre quindi circa un terzo del consumo italiano di vino. Il 2018 si apre con delle forte incognite sui prezzi della materia prima vino, in forte crescita in seguito alla vendemmia molto scarsa del 2017. Tensioni sui prezzi si vedranno soprattutto sulla fascia bassa del mercato, quella dei vini da tavola, dove il prezzo medio è calato del 6% negli ultimi 3 anni, a fronte di un incremento del 5% e 7% rispettivamente per i vini IGT e DOC.

Continua a leggere »