Veneto


Zonin – risultati 2020

nessun commento

Il 2020 è stato un anno particolarmente sfidante per il gruppo Zonin, che in conseguenza dell’emergenza Covid ha subito un calo delle vendite del 9% a 178 milioni di euro, che si è tradotto in un pesante calo dei margini. L’utile operativo, nonostante i pesanti aggiustamenti relativi a componenti straordinarie, scende a 3 milioni di euro (1.6% del fatturato) rispetto a 12.5 dello scorso anno (6.4%). Soltanto l’ultima linea del bilancio, l’utile netto, beneficia della contablizzazione delle poste fiscali relative alla rivalutazione dei beni introdotta dalla Finanziaria 2020 (un regalo incredibile fatto alle aziende italiane che si sta cercando di correggere con un allungamento dei temi di recupero del credito fiscale, da 18 a 50 anni). Comunque, i 20 milioni di euro di utile netto non devono ingannare. Con 3 milioni di utile operativo e 6 milioni di euro di oneri finanziari, anche senza tasse l’azienda sarebbe stata in perdita. La posizione finanziaria netta resta stabile a 97 milioni di euro (di cui 6 sono relativi a prestiti soci), dopo aver ridotto da 8 a 6 milioni di euro gli investimenti e non aver pagato alcun dividendo ai soci. Zonin non fornisce alcuna indicazione sulle tendenze previste per i suoi risultati 2021.

Vi segnalo che ulteriori informazioni e dati storici fino al 2004 di Zonin sono disponibili nella sezione Solonumeri del blog.

Continua a leggere »

Botter – risultati e analisi di bilancio 2020

nessun commento

Botter ha chiuso il 2020 con un aumento delle vendite del 6% (230 milioni) e, più importante, un miglioramento del margine operativo che dopo la flessione del 2019 ha toccato il 15%, il livello più elevato di sempre. In fondo al bilancio l’utile è di 25 milioni e la cassa netta 54 milioni, anche grazie all’assenza di dividendi che saranno recuperati (30 milioni da distribuire) nel 2021. Per Botter il 2021 è un anno di trasformazione. La holding Botter-Mondodelvino messa in piedi a metà 2020 dovrebbe cominciare a dare i suoi frutti. Il fatturato previsto per il 2020 è di 400 milioni di euro, il che implicherebbe una accelerazione rispetto al combinato 2020 (345-350 milioni), per una crescita vicina al 15%. Il nuovo gruppo è anche alla ricerca di acquisizioni e nuovi accordi di fornitura per coprire l’area toscana, ancora scoperta come offerta di prodotti. Bene, passiamo a una breve discussione dei risultati, con grafici e tabelle all’interno del post.

Continua a leggere »

Sartori – risultati e analisi di bilancio 2020

nessun commento

 

Il 2020 di Sartori è più da raccontare con i fatti che con i numeri. Le vendite sono calate dell’8% circa sia in valore che in volume (21.4 milioni di bottiglie), principalmente causa del crollo nel mercato inglese e dal cambio di distributore nel mercato americano, non compensato dall’andamento positivo in diversi mercati, tra cui quello italiano (GDO +4%). Gli utili vanno di conseguenza, con il margine operativo che scende dal 4% al 3% circa e l’utile netto che si assesta poco sotto un milione di euro. Molto di più di questo è però successo, a partire dall’uscita di un azionista che deteneva il 30% del capitale, che ha determinato l’investimento nel riacquisto di azioni proprie (circa il 15% per 3.4 milioni di euro) a parziale liquidazione. Sartori ha poi acquistato il 50% della società immobiliare proprietaria degli immobili utilizzati dall’azienda, il che ha portato a investimenti per oltre 4.7 milioni. Il quadro finale vede la nuova compagine azionaria formata dalla famiglia, con il 45%, e da Collis Veneto Wine Group con il 55%, e un incremento dell’indebitamento finanziario netto da circa 11 milioni a poco meno di 18 milioni di euro. C’è ancora di più da dire, peraltro: Sartori ha deciso di intraprendere un percorso commerciale teso a migliorare il suo mix di prodotti verso i marchi propri concentrando gli investimenti di marketing in questa direzione, e ha assunto una nuova figura manageriale per svilupparsi nei mercati esteri. Tutti questi investimenti determineranno un sacrificio nel 2021, ancora impattato dal COVID, ma dovrebbero consentire di ritornare alle vendite del 2019 nel corso del 2022, sperabilmente con un vantaggio in termini economici nei margini di profitto. Passiamo a una breve analisi dei dati di bilancio.

Continua a leggere »

Italian Wine Brands – risultati primo semestre 2021

nessun commento

 

Italian Wine Brands ha consolidato e ulteriormente migliorato i già ottimi risultati del primo semestre 2020 nei primi mesi del 2021. Il Covid è stato paradossalmente per l’azienda un evento positivo, avendo spinto le vendite nei supermercati e le vendite a distanza, esattamente dove IWB genera la sua attività. In questi numeri però non c’è soltanto questo. IWB sta attivamente aggredendo nuovi mercati e quest’anno dobbiamo aggiungere un paio di linee, quelle del Belgio e degli USA alla nostre tabelle. Dal 27 luglio poi, IWB consoliderà Enoitalia e la dimensione e gli utili faranno un ulteriore balzo. Se nel primo semestre l’azienda da sola ha generato 100 milioni di fatturato e 6 milioni di utile netto, con dentro Enoitalia le vendite sarebbero state 198 milioni e l’utile netto 10 milioni. Quindi, un’azienda completamente diversa. Passiamo a commentare qualche dato nel resto del post.

Continua a leggere »

Esportazioni italiane di vino per regione e tipologia – primo semestre 2021

nessun commento

I dati di oggi sono relativi al dettaglio delle esportazioni italiane di vino nel primo semestre 2021 per tipologia (vini in bottiglia) e per area geografica (regione, con riferimento alla sede legale del produttore di vino). Tabelle e grafici sono allegati all’interno del post, con variazione percentuale 2021 su 2019, dato che il 2020 ha una base particolarmente fuorviante. Da notare: l’andamento eccezionale dei vini rossi DOP piemontesi, la crescita più elevata dei vini DOP in generale (+13%) contro IGP (+10%) e vini da tavola (+5%), l’andamento molto positivo delle vendite delle aziende basate in Piemonte (+19%) ed Emilia Romagna (+25%), tra le regioni ovviamente con un volume significativo di fatturato estero. Vi lascio alle tabelle.

Fonte: coeweb.istat.it

Continua a leggere »