Francia


La divisione vino di LVMH – dati descrittivi

1 commento

Parlando dei principali operatori nel mondo del vino, e’ necessario soffermarsi su LVMH, dove la M sta per Moet & Chandon (Champagne) e la H sta per Hennessy (Cognac). LVMH e’ un grande colosso nel mondo del lusso e la sua divisione vino (circa il 20% del fatturato e 30% degli utili) ha una fatturato di EUR3bn.I suoi principali marchi? Champagne: Moet & Chandon, Dom Perignon, Ruinart, Mercier, Veuve Clicquot, Krug. Cognac e superalcolici: Hennessy, Glenmorangie, Ardbeg. Vini: Chateau d’Yquem. La divisione alcolici genera il 92% del fatturato fuori dalla Francia. I mercati principali sono senza dubbio gli USA (31% del fatturato), poi il Giappone (9% del fatturato).

lvmh1.jpg

LVMH is one of the giants in the wine business: M is for Moet & Chandon, H is for Hennessy (Cognac). The wine & spirits division of LVMH is 20% of its revenues and 30% of profits. Total sales reached EUR3bn in 2006. What are the main brands? Champagne: Moet & Chandon, Dom Perignon, Ruinart, Mercier, Veuve Clicquot, Krug. Cognac and spirits: Hennessy, Glenmorangie, Ardbeg. Vini: Chateau d’Yquem. The wine division is generating 92% of sales outside France. The key markets are USA (31% of sales) and probably Japan (9%).
Continua a leggere »

Cosa sta capitando alle importazioni di Champagne? – Importazioni a Aprile 2007

3 commenti

Curiosando nel mio file sull’export/import ho notato un trend estremamente interessante, che mi piacerebbe riuscire a decifrare con piu’ chiarezza. Mi sono soffermato sulle importazioni di vini spumanti francesi, che di qui in avanti chiamerei Champagne, data che il 95% di questi valori sono relativi a questo prodotto. Come si vede dai 3 grafici che sono qui allegati, notiamo dei trend molto interessanti che possono riassumersi in un deterioramento del prezzo medio di importazione in corrispondenza di una accelerazione dei volumi. Questo e’ il risultato finale: il prezzo medio al litro scendere da 19 euro a poco piu’ di 16 euro.
imps3.jpg

While looking at the file on import-export I noticed a very interesting trend, which I would like to undersand better. I was looking at the imports of French sparkling wines to Italy, which I would briefly call Champagne (as this category is 95% of imports), As you can see from the three graphs I attach, there is an evident deterioration of the mix, occurring at the same time of an acceleration of volumes. This is the final result: the average price has declined from 19EUR to 16EUR per litre

Continua a leggere »

Vendemmia 2007 – previsioni di produzione di vino – Italia e Francia

2 commenti

Sia noi italiani (ISMEA-UIV) che i nostri amici francesi (Agreste) hanno emesso le previsioni per la vendemmia 2007, che noi analizziamo. Due o tre considerazioni da fare:
– la vendemmia 2007 e’ vista in calo del 5-6% in entrambe le nazioni;
– in Italia dovrebbe essere un po’ meglio che in Francia;
– questo calo sembra affliggere piu’ i vini da tavola che non i VQPRD (per la Francia abbiamo i numeri, per l’Italia lo annusiamo guardando le indicazioni qualitative regione per regione)
– i francesi hanno un servizio statistico di qualche anno luce davanti al nostro.

vend07-0.jpg

Italian and French wine statistical services started to provide the first forecasts for 2007 wine production. The key takeaways from this preliminary assessment are the following:
– 2007 grape crush will be down 5-6% vs. 2006 and 3-4% vs. historical level;
– it seems that in Italy the decline could be slightly less evident than in France;
– the decline seems more concentrated in the table wines categories, while VQPRD (quality wines) are seen more stable (we have precise forecasts for France, we can argue it from Italy given the regional qualitative indications);
– French have a much much better statistical service than Italiains.

Continua a leggere »

Vranken Pommery – struttura del gruppo e bilancio 2006

7 commenti

Vranken Pommery e’ il secondo produttore di Champagne dopo il gruppo LVMH, con un fatturato di EUR248m nello Champagne, a cui si aggiungono circa EUR20m di altri prodotti (tra i quali il Porto, con circa EUR7m di fatturato). La societa’ e’ quotata presso la borsa di Parigi con un valore di mercato di circa EUR600m.
I principali marchi sono Pommery (30% delle vendite di Champagne), Vranken (19%) e Heidsieck &C (21%).

vrank1.jpg

La societa’ ha avuto un profilo di crescita molto significativo, con un aumento delle vendite di circa il 12% annuo tra il 2000 e il 2006, contro un +4% circa del mercato dello Champagne. Nel 2006 ha per la prima volta superato 20m di bottiglie vendute.
Vranken Pommery is the n.2 in the Champagne business after LVMH, with EUR248m sales of Champagne, plus another EUR20m coming from other products (of which EUR7m is Porto). The company is listed in Paris, with a market value of roughly EUR600m.
The key brands are Pommery (30% of sales), Vranken (19%) and Heidseick (21%). The company had a significant growth over the past 6 years, with a +12% in bottles sold (vs. a 4% CAGR of Champagne sector), leading them to exceed 20m bottles for the first time in 2006.

Continua a leggere »

Quote di mercato Champagne – dati 2004

nessun commento

[English inside]
I bilanci di Laurent Perrier e Vranken Pommery ci consentono di analizzare la struttura competitiva della Champagne, che riveste un particolare interesse nel mondo del vino: stiamo parlando di oltre 300m di bottiglie vendute ogni anno che escono dai produttori a EUR13 l’una e che vengono prodotte con oltre 100q/ha di resa.
Gli esperti suddividono queste 300m di bottiglie in 3 parti: le cooperative circa 28m, i “vigneron” 72m e le “Maison de Champagne” per i restanti 207m (cioe’ i due terzi).
champ1.jpg
Continua a leggere »