Importazioni


Brasile – importazioni di vino 2014

nessun commento
brasile 2014 0000

 

Il mondiale 2014 in Brasile lo avrà vinto la Germania. Però per festeggiare non mi sembra abbiano bevuto ne’ Champagne, ne’ il loro spumante ma bensì vino cileno. Il Cile che già era il leader delle importazioni di vino in Brasile (che vi ricordo nel segmento dei vini fermi fanno circa l’80% del consumo locale, contro il 20% circa del consumo di spumanti). Il 2014 è andato bene, in crescita del 12%  a circa 325 milioni di dollari. Il mercato brasiliano resta molto legato ai paesi limitrofi, quindi Argentina dopo al Cile, e ai legami coloniali, quindi con il Portogallo a rappresentare la prima forza europea, perlomeno nel vino fermo. L’Italia è relegata a un ruolo secondario, numero 4 nei vini fermi e non è riuscita come in altri mercati a raggiungere buoni volumi di export degli spumanti, che per il Brasile restano un prodotto molto locale e, nel segmento delle importazioni, dominato dallo Champagne. Andiamo a vedere qualche numero insieme.

Continua a leggere »

Importazioni di vino in Giappone – aggiornamento 2014

nessun commento
import giappone 2014 0

La svalutazione dello Yen non ha allontanato i consumatori giapponesi appassionati di vino. Questo è in sostanza il messaggio che deriviamo dall’analisi delle importazioni di vino in Giappone nel 2014. Sebbene il valore dell’import sia cresciuto in valore assoluto soltanto del 4% in Euro, anche nel 2014 il Giappone ha dovuto far fronte alla svalutazione del suo cambio (8% in media, voluta dalla politica monetaria del Governo, che ha l’obiettivo di far uscire l’economia dalla deflazione e dalla bassa crescita economica). Se facciamo un passo indietro e consideriamo la valuta locale, le importazioni sono cresciute del 13%, dopo essere cresciute del 23% lo scorso anno e del 20% nel 2012. In poche parole, i Giapponesi importano il 65% in più in valore nella loro valuta dal 2012 a questa parte. La metà di questa crescita se n’è andata una volta trasformata in Euro. Bevono di più o bevono meglio? Beh, in 3 anni i volumi sono cresciuti del 30%, praticamente uguale alla spesa in Euro. Quindi a quanto pare, il prezzo mix in Euro è rimasto uguale. L’Italia in questo contesto ha mantenuto le quote di mercato ma comincia a essere insidiata dal Cile. Andiamo nei numeri di dettaglio.

Continua a leggere »

India – mercato e importazioni di vino aggiornamento 2013/14

2 commenti

india wine 2014 1

L’India resta una eterna promessa per il mondo del vino, dato che nonostante l’immensa popolazione, la cultura di questa bevanda non riesce proprio a penetrare. La produzione interna non cresce e si pone su livelli molto bassi (173mila ettolitri stimati per il 2014), mentre l’import di vino resta confinato a 30-40mila ettolitri. Come dice Calwine, da cui prendiamo questi dati pubblicati oggi, “L’India è spesso menzionata come un importante mercato emergente per il settore del vino, ma i dati mostrano che le vendite non sono cresciute negli ultimi anni. La metà del vino importato è destinato al segmento Ho.Re.Ca., anche se le catene al dettaglio stanno cominciando dedicare spazio al vino di qualità. Purtroppo nel canale al dettaglio, la scarsa conoscenza dei marchi internazionali e gli elevati dazi doganali, spingono i consumatori verso i prodotti locali”

La nostra analisi mostra come il dominio francese si stia gradualmente diluendo, particolarmente riguardo ai volumi, e che la posizione dell’Italia, terzo paese esportatore, si stia rafforzando. Come abbiamo detto sopra, l’India resta un paese con volumi ridicoli, che oltretuttto stanno calando in modo piuttosto sensibile nell’aggiornamento a luglio 2014. Analizziamo qualche dato insieme nel resto del post.

Continua a leggere »

Le importazioni di vino in Italia – aggiornamento primo semestre 2014

nessun commento
import 2014 h1 3

 

Oggi vi parlo di importazioni, per i primi 6 mesi del 2014. Però prima di andare ai numeri del semestre vale la pena di condividere un’analisi interessante: dunque, quando questo blog ha cominciato a raccogliere i dati di export, si partiva da una base di importazione di vino di 277 milioni di euro per il 2005, con un volume importato di 1.7 milioni di ettolitri. A giugno 2014, cioè dopo 8 anni e mezzo, i 277 milioni sono diventati 291 (e non si sono mai allontanati dai 300 anche nei momenti di massimo splendore), mentre i volumi sono diventati 2.4 milioni. Le crescite dei due aggregati, valore e volume sono state rispettivamente dello 0.6% e del 3.7% annuo. Nello stesso periodo le esportazioni sono cresciute al ritmo annuo del 6.5% e del 3%, rispettivamente per valore e volume. Focalizzandoci invece sui dati del semestre abbiamo uno scenario ancora più negativo…

Continua a leggere »

Importazioni di vino a Hong Kong – aggiornamento 2013

3 commenti
hong kong 2013 0

 

Dopo il tonfo del 2012 le importazioni di vino imbottigliato a Hong Kong si sono stabilizzate poco sotto il miliardo di dollari americani al lordo delle riesportazioni (verso la Cina) e a circa 770 milioni di dollari quando si considera il vino che resta nel paese (mentre quello importato e poi spedito in Cina ha subito il secondo calo consecutivo del 9%, a dimostrazione delle difficoltà del mercato cinese). In questo contesto, l’Italia resta un player di secondo piano, relegata al quarto posto, dopo Francia, Australia e USA. Ma soprattutto con una quota di mercato del 3% circa che poco si addice alla rilevanza del nostro prodotto nel settore. E dire che il mercato a Hong Kong è fortemente sbilanciato sui vini rossi, che rappresentano circa il 95% delle esportazioni lorde, che però visto il dominio francese sono principalmente fatte da Cabernet Sauvignon (il 50% dei rossi), Merlot e Sirah. Passiamo ai numeri.

Continua a leggere »