Mercato e consumi


I canali di vendita del vino nel mondo – report Wine Intelligence

nessun commento
canali 2014 mondo 1

Qualche mese fa Wine Intelligence ha presentato a ProWein una carrellata dei canali di vendita del vino nei principali mercati mondiali. Il post di oggi cerca di riassumere la presentazione, con un contributo numerico relativo alla suddivisione a valore più recente nei 6 maggiori mercati, esclusa l’Italia che analizziamo già in modo molto dettagliato e per la quale i dati non sono così a valore aggiunto. Il quadro è variegato. Le enoteche e il canale online dominano e guadagnano nei mercati anglosassoni, mentre in Europa continentale è la grande distribuzione a farla da padrona, in Germania soprattutto il canale hard discount (che la dice tutta sull’approccio qualità/prezzo del consumatore tedesco… e vi posso dire che diverse aziende italiane lo hanno dolorosamente toccato con mano). Il primo grafico cerca di fare il punto della situazione “cross country”. Sorprendentemente la grande distribuzione non ha una forza così rilevante in USA e Giappone…

Continua a leggere »

Esportazioni di spumante italiano – aggiornamento marzo 2015

nessun commento
export spumanti q1 15 1

Mentre molti si chiedono che cosa succederà nel 2015 ai volumi esportati, data la vendemmia particolarmente scarsa, i dati del primo trimestre sugli spumanti continuano a stupire. Se da un lato è vero che i cambi stanno aiutando il nostro prodotto (Stati Uniti e Regno Unito in particolare), leggere un +54% nei volumi di marzo è abbastanza stupefacente. Va detto che la tempistica dalla Pasqua è molto importante per lo spumante e che la Pasqua 2015 è stata più “alta” del 2014. Comunque, anche a gennaio e febbraio i volumi crescevano dell’8-9%. I dati che leggiamo oggi indicano un incremento del valore dell’export nel trimestre del 23%, fatto di un calo del 26% per l’Asti (stabile in Marzo) e di un incremento del 30/35% degli altri prodotti. Conclusione: se è vero che il primo trimestre conta poco (circa il 20% dell’anno, di solito), i numeri otticamente eccellenti. Un problema è però dietro l’angolo. Se togliamo l’impatto cambi dalle esportazioni dei nostri spumanti DOP, ci accorgiamo che il prezzo medio di vendita espresso in valuta locale scende di oltre il 20% rispetto al -7% riportato nei dati ufficiali. Il che apre a una domanda: che cosa stiamo esportando? Siamo nella situazioni in cui quando i volumi non cresceranno più (per quello che dicevamo prima) le esportazioni torneranno indietro? Il rischio è più tangibile di quello che si possa immaginare. Andiamo a leggerne qualcuno insieme.
Continua a leggere »

Cina – importazioni di vino 2014

nessun commento
cina 2014 import 02

 

Il Corriere Vinicolo ha pubblicato un ottimo lavoro qualche settimana fa che riassume i dati sulle esportazioni e importazioni di vino. Possiamo quindi “colmare” qualche buco che abbiamo nel blog, in particolare relativamente alle importazioni di vino in Cina e, tra qualche settimana Hong Kong. La riclassificazione dei dati che abbiamo messo a punto non ci consente di andare indietro nei dati di dettaglio, perchè le serie storiche che abbiamo non coincidono, purtroppo. Detto questo, credo che il quadro sia chiaro e in particolare: 1) la Cina resta un mercato dove si importano vini imbottigliati, sempre più a discapito dei vini sfusi, e dove i vini spumanti restano una categoria marginale, per quanto in crescita fortissima; 2) la posizione dell’Italia nel mercato resta marginale: numero 4 insieme alla Spagna ma numero 5 nei vini imbogliati (dove la Spagna ci ha superato); 3) a partire dal 2012 la crescita delle importazioni si è fermata intorno a 1.5-1.6 miliardi di dollari, e Cileni e Australiani hanno approfittato delle migliori condizioni a cui riuscivano a vendere i loro vini grazie alla svalutazione del cambio. Quindi? Quindi l’Italia ha export stabile, grazie agli spumanti, una quota di mercato del 7% circa nel mercato di importazione di vini in Cina. Un andamento soltanto leggermente migliore di quello del mercato, sceso del 2.5% in dollari americani (il CNY per adesso va insieme al dollaro, quindi USD e valuta locale hanno andamenti simili). Passiamo alle cifre.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino Italia – aggiornamento marzo 2015

nessun commento
expor trim 1 1

 

Dunque, quando giovedì scorso ho scaricato i dati ISTAT sulle esportazioni di marzo ho pensato di aver commesso un errore, presumibilmente derivante da diversi giorni fatti di 5 ore di sonno e 19 ore di corsa, che tipicamente capita quando la famiglia è al mare. Invece no. Ricontrollati i dati, è proprio stato un mese eccezionalmente positivo per l’export italiano di vino, come non se ne vedevano da un paio di anni. A marzo l’export cresce a 470 milioni di euro, +14%, con un incremento del 7% dei volumi esportati. Con un dato del genere, niente è andato male. L’Asti è rimasto stabile, i vini spumanti DOP sono esplosi, i vini fermi imbottigliati hanno fatto +9%, i vini sfusi hanno smesso di scendere, le esportazioni in Germania sono rimbalzate, quelle negli USA hanno accelerato. Persino le vendite di spumante in Russia sono salite.

Il balzo di Marzo porta il primo trimestre a chiudere con un più che dignitoso +4% per 1.2  miliardi di euro, con volumi in calo del 2% a 4.6 milioni di ettolitri e un prezzo mix in crescita del 6% a 2.56 euro al litro. Andiamo sui numeri insieme (a proposito oggi non ho voglia di grafici, quindi vi propino soltanto tabelle!). E per chi arriva in fondo una notarella sulle importazioni…

Continua a leggere »

USA – vendite al dettaglio di vino – aggiornamento 2014

nessun commento
usa mercato 2014 0

 

Il Wine Institute ha leggermente cambiato i dati storici sui consumi di vino in USA e sull’andamento delle vendite delle cantine californiane, anche se le tendenze sono rimaste immutate (sono cambiati i numeri assoluti). Il quadro che ci viene presentato è di un rallentamento della crescita del volume consumato (meno dell’1% in più del 2013) ma di un immutato trend di crescita del prezzo mix (circa il 3% rispetto al 2013, in linea con quanto è successo negli ultimi 5 anni). Continua la crescita dei premium wines, che rapprsentano il 25% del volume ma il 47% del volume di vino consumato. In questo quadro i vini californiani hanno guadagnato quota di mercato sul consumo domestico lasciando un po’ di terreno per i concorrenti all’estero, anche in virtu’ del graduale rafforzamento del dollaro. Ma andiamo a leggere i numeri insieme.

Continua a leggere »