Vini da tavola e vini di qualita' – Francia contro Italia 2004/05

nessun commento

Fonti: Federdoc e Vinifhlor

Avendo a disposizione i dati francesi e italiani dettagliati sui vini di qualita’ e da tavola, ho pensato di metterli insieme. Ne risulta un quadro dove, chiaramente, la Francia vince di gran lunga sull’Italia, anche se guardando i dati a livello regionale le zone di eccellenza italiane non possono dirsi inferiori alle francesi, almeno dal punto di vista numerico. Iniziamo con la penetrazione del vigneto di qualita’, che viaggiava in Italia al 24% nel 2004 contro il 57% della Francia, quindi piu’ del doppio anche considerando che in Italia la percentuale e’ diventata del 26% nel 2005.
We are crossing data about quality wine and table wine in Italy and France. The outcome is quite clearly much better for France than for Italy, although when we shift to regional data some Italian wine regions are clearly ranking very well. Let’s start with the weight of quality wine vineyards over total vineyards, which was in 2004 24% in Italy and 57% in France, so more than double even considering the higher level of 26% reached by Italy in 2005.

itafra1.jpg
Continua a leggere »

Vini di qualita' e vini da tavola francesi – aggiornamento dati 2004

nessun commento

Grazie a Vinifhlor, possiamo analizzare il “wine divide” del mercato del vino francese, separando i vini da tavola dai vini di qualita’ (VQPRD). Cominciamo col vedere dove sono coltivati i vini di qualita’: una grossa fetta e’ nella zona di Bordeaux (32%) e nel Languedoc (18%). La grande Borgogna copre solo il 7% del vigneto VQPRD francese, cosi’ come a sensazione e’ basso il 3% dell’Alsazia. Comunque, stiamo parlando di circa 482mila ettari, corrispondenti a una quota del 57% del vigneto francese 2004, Un livello in salita molto significativa dal 52% del 1995.
With Vinifhlor data we can investigate into French wine divide in terms of quality wines vs. table wines. We start from the source of French quality wines, which comes mainly from Bordeaux (32%) and Languedoc (18%). Bourgogne is just 7% of the area of quality wines; this figure looks as low as the 3% of Alsace. However, all in all the quality wines in France are cultivated over 482k ha which means 57% of the total vineyard. A level well above the 52% of 1995.

fravqprd1.jpg
Continua a leggere »

Francia – evoluzione dei vitigni 1979/2004

nessun commento

Fonte: Vinifhlor (link a lato)

Passiamo in rassegna l’evoluzione del vitigno francese, che mi pare piuttosto interessante. Dunque, in Francia c’erano 882mila ettari vitati nel 2004, contro 1 milione nel 1979. Il calo in 25 anni e’ stato nell’ordine del 12% e si e’ concentrato sui vitigni bianchi, che sono passati da 311mila ettaria 255mila (-18%), mentre i vitigni rossi hanno subito un calo uguale in termini assoluti (60mila ettari a 627000), ma molto meno significativo in percentuale (-9%).
In France, vineyards moved from 1m hectares in 1979 to 882k in 2004. The reduction was 12% and was concentrated on white grapes, which moved from 311k to 255k (-18%), while the decline of red grapes was similar in absolute terms (-60k hectares to 627000), but much less evident in relative terms.

hafr1.jpg
Continua a leggere »

Cooperative vinicole italiane – confronto dati 2006

3 commenti

Dalla raccolta dei dati relativi a 5 grandi cooperative, mettiamo qualche numero insieme relativamente al 2006. Non e’ ovviamente un elenco esaustivo, siccome riguarda: Caviro, Cavit, Mezzacorona, Cantina di Soave e Lavis, pero’ ci comincia a dare una idea di come si possono confrontare questi operatori. Non ho messo GIV, siccome non abbiamo ancora il bilancio 2006. Partiamo con il fatturato, dove si nota la grande dimensione di CAVIT e Caviro (dalla quale abbiamo tolto un valore stimato della distillazione).
We are putting together the date for 5 key cooperatives relatively to 2006. We still do not have figures for Gruppo Italiano Vini, so we still exclude it. The 5 cooperatives are Caviro, Cavit, Mezzacorona, Cantina di Soave and Lavis. Starting from revenues, it svery clear the large size of Cavit and Caviro (for which we did not include the revenues from distillation).

coop1.jpg
Continua a leggere »

Mezzacorona – analisi di bilancio 2006

nessun commento

Una delle cooperative che mancano all’appello del nostro sito e’ Mezzacorona, che opera su 3 regioni (Trentino Alto Adige, Sicilia e Toscana con una quota del 10% nel castello di Querceto), con una superficie di poco piu’ di 3000 ettari e 1300 soci consorziati. Le tenute in Sicilia e in Toscana coprono rispettivamente circa 600 e 100 ettari. La cooperativa chiude il bilancio a agosto e i dati che presentiamo si riferiscono al bilancio chiuso al 30/8/2006. La cooperativa opera con 4 marchi commerciali, Mezzacorona, Rotari, Trolloy e Feudo Arancio.
One of the cooperatives which we still did not consider was Mezzacorona. It operates in three regions (Trentino, Sicily and Tuscany through a 10% stake in Castello di Querceto=, with roughly 3100 ha of vineyards and 1300 shareholders. Sicily and Tuscany properties cover respectively 600 and 100 hectars respectively. The cooperative closed 2005 accounts in August. It operates with 4 brands: Mezzacorona, Rotary, Trolloy and Feudo Arancio.
mc2.jpg
Continua a leggere »