La dimensione media delle aziende vinicole italiane – censimento ISTAT 2021

nessun commento

Il post di oggi è particolarmente importante perchè è uno dei primi risultati del censimento dell’agricoltura 2021 (doveva essere 2020, ma poi…), per il quale ISTAT ha cominciato a disseminare qualche dato. Questo primo post si occupa delle superfici vitate a vite e risponde a diverse questioni spesso ricercate sul blog, quali quanti ettari vitati ci sono in Italia, quante aziende vinicole e, quindi, quanto è la dimensione media delle aziende vinicole. Rispondendo a queste tre domande: in Italia ci sono 636mila ettari di vite (uguale al 2010), coltivati da 255mila aziende (un terzo meno che nel 2010), che hanno dunque una superficie media di 2.5 ettari (il 50% in più del 2010).

La stabilizzazione della superficie vitata è il dato più importante e che segna un punto di rottura con il passato, mentre il “consolidamento” della superficie nelle mani di un numero inferiore di aziende continua. Si tratta però di una stabilizzazione solo apparente quando si entra nel dettaglio: Veneto e Friuli Venezia Giulia crescono del 38% e 35% rispettivamente in ettari e calano di quasi il 30% in numero di aziende, il che determina quasi il raddoppio della superficie per azienda: da 3 a quasi 6 per il FVG che si colloca in cima alla lista delle regioni italiani, da 2 a quasi 4 per il Veneto.

Il calo delle superfici secondo ISTAT continua soprattutto in Umbria (-23% dal 2010), Basilicata (-30%), Calabria (-24%) e Sicilia (-19%), quindi con una connotazione soprattutto nel centro sud.

Per quando riguarda invece il processo di concentrazione della superficie, nell’ambito di un incremento nazionale del 51%, da 1.6 a 2.5 ettari,  i progressi più importanti sono quelli già citati nel Nord Est, cui si aggiungono i forti progressi in Campania, Liguria (entrambe da una base minuscola) e Lazio, mentre invece non sembra essere cambiata molto la situazione in alcune regioni del sud come Sicilia a Calabria (solo +8%).

Quest’anno ho aggiunto la tabella con le superficie vitate per la produzione di vino, un dettaglio importante ma talvolta dimenticato. Gli ettari vitati sono 635mila, ma di questi 46mila circa non producono uva da vino ma uva da tavola (e in minor misura uva passa). Quindi se restringiamo alla produzione di vino, gli ettari diventano 590mila, le aziende scendono a 241mila e la superficie vitata è di conseguenza 2.4 ettari, un numero molto vicino a quello generale. Trovate il dettaglio nella tabella qui sotto, dove sono anche divisi gli ettari adibiti da DOP/IGT e quelli per altri vini: 453mila contro 137mila.

Buona consultazione.

 


[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>