La produzione di vino nel mondo nel 2021 – aggiornamento OIV

nessun commento

Il resoconto dell’OIV sulla produzione, consumo e trade del vino nel mondo è stato appena pubblicato. Andiamo subito al cuore del problema: se uno legge il post equivalente pubblicato qualche mese fa si accorge che OIV ha cambiato pesantemente le sue stime produttive, da 250 milioni di ettolitri agli attuali 260, quindi un +4%, sostanzialmente derivante dai dati meno negativi del previsto relativi alla produzione delle nazioni euroopee chiave (soprattutto Italia). Invece tutto il messaggio del post è incentrato sul fatto che la vendemmia sia andata male in Europa e bene nell’emisfero sud, il che può anche essere vero (a seconda del periodo preso a riferimento, OIV usa 5 anni e sono d’accordo, io uso 10 anni e su 10 anni siamo a -4% contro -3% contro media…), ma per uno che sta dentro il mondo del vino non è quello che bisognerebbe notare. Bisognerebbe dire: sapete che c’è? C’è che ci saranno 10 milioni di ettolitri di vino in più nel sistema e questi vengono dall’Europa, dove le attese iniziali erano peggiori di quello che è stata in realtà la produzione. Comunque, passiamo oltre.

260 milioni di ettolitri nel 2021 sono un numero molto simile al 2020 e anche al 2019 (263 e 258). Diciamoci la verità: se è vero come sembra che il consumo sta manovrando da 240-250 milioni di ettolitri a 230-240, considerando i 30 milioni di usi industriali è anche meglio che la produzione resti su questi livelli.

L’Italia come da diversi anni si consolida come primo produttore mondiale, 50m/hl che sono il 19% del totale e vendemmia il 4% sopra la media a 10 anni. La Francia ha invece avuto una pessima vendemmia (un po’ meno peggio di quello che si ipotizzava) e con 38m/hl sta il 15% sotto media, come anche la Spagna che con 35m/hl è il 6% sotto media. Dunque, dove è andata bene oltre all’Italia? In Europa in Portogallo (+13% contro media, vale il 3% del vino mondiale) e in qualche paese dell’Est. Fuori Europa spicca l’Australia (14m/hl, +16%) e il Cille (13m/hl, +18%), che compensano un ipotizzato pessimo andamento della produzione cinese, vista scendere a 6m/hl, ben il 44% sotto la media storica di oltre 10m/hl. Questi dati sulla Cina sono in carattere italico, a dire che si tratta di stime.

Vi lascio ai numeri.

 


Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>