Constellation Brands – risultati primi 9 mesi 2021

nessun commento

 

Una Constellation Brands sempre meno legata al vino ha riporto qualche giorno fa I risultati del suo terzo trimestre, il più importante dell’anno per l’elevata stagionalità (Settembre-Ottobre-Novembre). Ancora una volta le previsioni sulla chiusura a febbraio 2022 sono state riviste al rialzo del +3% (vedere grafico all’interno, ora a 10.5-10.65 contro 10.44 del 2020) il che fa una differenza piccola in numeri ma importante nel significato, dato che riporta il 2021 (leggi: anno a Febbraio 2022) su un livello almeno uguale a quello dell’anno precedente.

Il gigante è sempre meno legato al mondo del vino: in questi dati trimestrali siamo a circa il 22% delle vendite e al 15% (stimato) dell’utile operativo del gruppo. Ugualmente le previsioni dicono +10-11% per la birra, dove si continua a investire in nuova capacità in Messico, e +4-6% per il vino dopo aver considerato la dismissione in favore di Gallo di una serie di marchi. Ma i dati ci dicono qualcosa di più: se è vero che le vendite in termini organici sono cresciute nel trimestre del 3% e i volumi sono passati (organici) da 7.9 a 8.1 milioni di casse nel terzo trimestre, le vendite al dettaglio dei marchi di Constellation continuano a calare. Il dato del terzo trimestre riportato da terze parti dice -6.8% e la media con gli altri due trimestre è -5.5%. Per trovare un dato di vendita positivo bisogna addirittura risalire a metà 2018.

La seconda considerazione “negativa” che mi viene di fare è che questa tanto sbandierata vendita a Gallo di marchi meno appetibili e che avevano minori margini non sembra aver sortito gli effetti desiderati. Prima dell’operazione il “wine & spirits” dell’azienda guadagnava il 27% del fatturato a livello operativo, adesso siamo intorno al 22%. Sarà probabilmente anche dovuto al calo della “scala” delle operazioni (attualmente si viaggia su 32 milioni di casse dai 50 precedenti, probabilmente si atterrerà a 30 milioni di casse circa), ma certamente sono dati poco appetibili.

Nella tabella trovate poi i dati generali del gruppo. Debito stabile intorno a 10 miliardi di dollari, grande sforzo su dividendi e riacquisto azioni (circa 2 miliardi nei primi 9 mesi), capitalizzazione volata ai massimi di sempre intorno a 46 miliardi di dollari (8 gennaio, data in cui scrivo).

Vi lascio ai grafici e alle tabelle



 

 

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>