Advini – risultati primo semestre 2021

nessun commento
I numeri semestrali di Advini sono stati incoraggianti. L’azienda è riuscita a recuperare il livello di fatturato toccato nel primo semestre 2019 (anzi il 3% in più), ma soprattutto sono migliorati i margini, grazie all’azione di taglio dei costi. Si tratta di un recupero guidato dal mercato francese (il 15% sopra il livello pre crisi), mentre le esportazioni sono ancora sotto (-7% sul 2019). Nel corso del semestre sono continuate le operazioni straordinarie, con una piccola acquisizione da un paio di milioni di euro. Nonostante questo l’indebitamento finanziario netto è rimasto stabile a 148 milioni di euro, sempre un livello elevato ma comunque compatibile con la forte struttura patrimoniale dell’azienda. Gli obiettivi che Adini si è data per il 2023 e che ha mantenuto sono ambiziosi ma forse a differenza del passato (quando non li aveva raggiunti) sono fattibili: 300 milioni di vendite (sono oggi 262 sommando secondo semestre 2020 e primo semestre 2021), il 9% di margine EBITDA (sono all’8%) e un cash flow di 10 milioni di euro (sono a 6-7 milioni di euro).

 


Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>