Botter – risultati e analisi di bilancio 2020

nessun commento

Botter ha chiuso il 2020 con un aumento delle vendite del 6% (230 milioni) e, più importante, un miglioramento del margine operativo che dopo la flessione del 2019 ha toccato il 15%, il livello più elevato di sempre. In fondo al bilancio l’utile è di 25 milioni e la cassa netta 54 milioni, anche grazie all’assenza di dividendi che saranno recuperati (30 milioni da distribuire) nel 2021. Per Botter il 2021 è un anno di trasformazione. La holding Botter-Mondodelvino messa in piedi a metà 2020 dovrebbe cominciare a dare i suoi frutti. Il fatturato previsto per il 2020 è di 400 milioni di euro, il che implicherebbe una accelerazione rispetto al combinato 2020 (345-350 milioni), per una crescita vicina al 15%. Il nuovo gruppo è anche alla ricerca di acquisizioni e nuovi accordi di fornitura per coprire l’area toscana, ancora scoperta come offerta di prodotti. Bene, passiamo a una breve discussione dei risultati, con grafici e tabelle all’interno del post.



  • Le vendite crescono del 6% a 230 milioni di euro, con una forte volatilità tra le aree geografiche, che in realtà non è un buon segno. Ad ogni modo il fatturato italiano pur crescendo del 24% resta marginale a 16 milioni, mentre le vendite nel resto dell’Europa crescono del 37% dopo la flessione importante del 2019, toccando quota 124 miloni. Se “cancellassimo” il 2019, la crescita 2018-20 cumulata sarebbe 11%. Esattamente il contrario succede nel resto del mondo, che dopo l’esplosione del 2019 (+52%), cala del 20% a 90 milioni.
  • I margini migliorano in modo significativo. Dal punto di vista industriale, Botter fa un altro passa avanti con il costo del venduto calato al 69.6% delle vendite, dal 71% del 2019 e 74% del 2018. I costi per servizi balzati nel 2019 al 10% del fatturato calano al 9.5% e lo stesso vale per il costo del personale sceso dal 7% al 5% delle vendite e calato anche in valore assoluto. Così il margine torna al 16.5% a livello EBITDA e al 15.1% a livello utile operativo, contro l’11.2% e 9.7% del 2019 e il precedente picco del 2018, 14% e 12.5%.
  • L’utile netto è di 25.6 milioni di euro, dopo una tassazione del 25.5%.
  • A livello finanziario, la cassa netta sale da 30 milioni a 54, sostanzialmente in linea con l’utile netto. Non sono stati distribuiti dividendi (5 milioni nel 2019) ma come dicevamo ne saranno distribuiti circa 30 nel 2021 a valere sul 2020, mentre sono stati investiti circa 3.5 milioni di euro, più del 2019 (2.6). Nei grafici e nelle tabelle troverete un forte incremento del patrimonio netto e del capitale investito: è frutto della rivalutazione dei marchi di 32 milioni di euro che Botter ha attivato e che consentirà rilevanti vantaggi fiscali nei prossimi anni.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>