Francia – produzione di vino 2020

nessun commento

 

Fonte: Agreste

In attesa di vedere quanto impatteranno le tremende gelate di queste ultime settimane, concentriamoci oggi sui dati finali di produzione di vino francese del 2020. Il 2020 è stato per il vino un anno “normale” in Francia, con una produzione di 47 milioni di ettolitri, in crescita dell’11% sull’anno precedente e del 7% circa sopra la media degli ultimi anni. Più importante, in Francia assistiamo a un graduale incremento della superficie vitata da un paio di anni: nel 2020 sono stati raggiunti 753mila ettari. Nel 2020 si è fortemente ripresa la produzione di vino bianco, tornando ad avvicinarsi al livello dei vini rossi, che restano la “spina dorsale” della produzione a volume francese. Il 2020 è poi l’anno della produzione record di vino dedicato alla distillazione, che per la prima volta ha superato i 10 milioni di ettolitri, supportato dalla domanda sempre crescente di Cognac. Tornando alle gelate, le prime stime parlano di una produzione 2021 di 30-35 milioni di ettolitri di vino, il che sarebbe anche inferiore al record storico degli ultimi 10 anni, toccato nel 2017 con 37 milioni di ettolitri. Passiamo a commentare qualche altro numero insieme.



  • La produzione francese di vino è stata di 46.9 milioni di ettolitri nel 2020, +10.9% sul 2019 e +6.3% sulla media del quinquennio.
  • La produzione di vini di qualità in realtà non è cresciuta rispetto al 2019, a 19.1 milioni di ettolitri, -2% in un anno e -6% sulla media storica. Sono invece in crescita dell’8% i vini IGP a 13.4 milioni di ettolitri e i vini da tavola, +47% a 3.7 milioni di ettolitri, entrambe le categorie ben sopra la media storica. Dove i dati sono particolarmente positivi è nel segmento dei vini bianchi per distillazione, dove anche complice un 2019 negativo, la crescita ha superato il 35%.
  • Il bilanciamento della produzione tra bianchi e rossi è nel 2020 quasi perfetto, 49% contro 51%, ma questo dato nasconde il forte contributo dei bianchi per distillazione, escludendo i quali la produzione di vino bianco scende a 12 milioni di ettolitri, la metà di quella di vino rosso (24 milioni di ettolitri).
  • Per quanto riguarda la suddivisione per regioni, i dati sono sempre molto difficili da leggere, dato che Agreste divide per regioni fisiche e non vinicole. E noi conosciamo bene le seconde, ma diamo meno valore alle prime. Detto questo, il 2020 dovrebbe essere stato un buon anno per la viticoltura del sud (Languedoc Roussillon), mentre Bordeaux e Champagne sono rispettivamente 10% e 18% sotto media.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>