Esportazioni di spumante Italia – aggiornamento 2020

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Fonte: ISTAT

Il segmento degli spumanti è stato quello più impattato dalla pandemia. Non lo dicono soltanto i dati italiani che presentiamo qui oggi, che segnano un calo del 6.4% a 1482 milioni delle esportazioni (su dati di volume stabili peraltro), ma anche quelli spagnoli che leggerete a fine mese (-10% con volumi a -1.5%) e quelli francesi che ho pubblicato a inizio mese, dove la denominazione dello Champagne ha fatto segnare un calo del 20% nel 2020, per la maggior parte derivato dai volumi (-17%). Nel caso dell’Italia ci troviamo davanti a un prodotto diverso da quello francese e spagnolo, con un prezzo medio più basso e con un “drive” non secondario derivante dall’utilizzo del prodotto nel segmento degli aperitivi insieme a Aperol. Se considerate che Aperol vende circa 0.52 milioni di ettolitri all’anno nel mondo e considerate che l’altra metà dello Spritz è spumante normalmente italiano, arrivate a circa 0.5 milioni di ettolitri di vendite, di cui il 60-70% all’estero (quota dell’Aperol fuori dall’Italia). Ma torniamo ai nostri dati. Nell’ambito di questo “ottimo” -6% il Prosecco continua a rappresentare un fattore mitigante, essendo calato soltanto del 3%, grazie alla crescita del 5% registrata in tutti quei mercati che non sono gli USA e il Regno Unito. Anche l’Asti nel 2020 è andato piuttosto bene, registrando un dato quasi stabile, supportato dal mercato tedesco e sopratttutto americano. Passiamo ai dati, ricordandovi di andare consultare la sezione Solonumeri (link) per trovare una lista esaustiva dei dati 2020.



  • Le esportazioni di vino spumante calano del 6.4% a 1.48 miliardi di euro nel 2020, a fronte di un volume stabile a 4.2 milioni di ettolitri. Nel solo mese di dicembre, il dato è invece positivo per il 4%.
  • Il dato si suddivide in 1027 milioni di export di Prosecco (-3%), 140 milioni di esportazioni di Asti (-1%), 86 milioni di euro di export di altri spumanti DOC (-31%) e 230 di altri prodotti non DOC per un calo dell’11%.
  • In termini di volume, il Prosecco tocca quota 2.8 milioni di ettolitri, +4%, mentre l’Asti è poco sotto i 400mila ettolitri (+2%).
  • Andando nel dettaglio dei dati del Prosecco il Regno Unito resta il primo mercato a 296 milioni ma perde il 10% nel 2020. Quasi allineati sono gli USA a -9% per 260 milioni di euro. Tutto il resto fa +5%, sostenuto soprattutto da un gruppetto di paesi europei che sostengono il prodotto.
  • Per la denominazione Asti il 2020 ha visto un forte incremento in USA, +38% a 29 milioni e un calo del mercato russo del 10%, 20 miloni). Il terzo mercato è la Germania nel 2020, con una crescita del 10% e 19 milioni. Dopo questi tre mercati che insieme fanno il 50% delle esportazioni, i dati sono molto volatili e nel loro complesso segnano un calo dell’11%.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>