Andrew Peller – risultati 2019 (marzo 2020)

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Fonte: bilancio aziendale (http://www.andrewpeller.com/financials.php)

Torniamo oggi su Andrew Peller, l’azienda vinicola canadese quotata in borsa, per discutere il bilancio 2019 (marzo 2020) e quello che sta succedendo nel 2020. Su entrambi i fronti ci sono soprattutto buone notizie: nel bilancio 2019 a fronte di vendite stabili (nonostante l’impatto delle acquisizioni) i margini migliorano, come da obiettivi aziendali che abbiamo discusso nel post precedente, per arrivare a un utile operativo di 63 milioni (di dollari canadesi) e un margine del 16.5% contro 58 milioni e 15.3% del 2018. Va detto che questi miglioramenti non si trasformano in maggiore utile netto principalmente per una serie di questioni contabili. Per quanto riguarda invece il 2020, i dati dei primi sei mesi (marzo-settembre) sono molto incoraggianti: l’esposizione commerciale bilanciata tra Horeca e off-premise ha consentito di mantenere le vendite (202 milioni contro 198 dei primi sei mesi dell’anno scorso) e nonostante un calo del margine industriale (dovuto al mix delle vendite meno profittevole) il forte taglio delle spese di marketing ha addirittura spinto l’utile operativo da 36 a 45 milioni di dollari canadesi. Una performance decisamente superiore alle attese, che ha portato il titolo a recuperare completamente la perdita di valore registrata durante i mesi del COVID. A fine dicembre 2020, l’azienda aveva un valore di borsa di 476 milioni di dollari canadesi, quindi circa 300 milioni di euro. Passiamo a un breve commento dei dati.



  • Nel 2019 (marzo 2020) le vendite sono stabili a 382 milioni di dollari canadesi, con un progresso del 5% delle vendite estere, che restano irrisorie a 13 milioni. Nei primi sei mesi del 2020 (aprile-settembre) le vendite sono invece cresciute del 2%.
  • I margini sono migliorati nel 2019 a fronte degli attesi benefici dell’integrazione delle acquisizioni, dallo spostamento del mix di prodotto verso l’alto e dal taglio dei costi di produzione. Il margine industriale cresce dal 41.6% al 43.5%, mentre parte del beneficio viene perso a livello di utile operativo aggiustato per via delle spese di marketing. Ne risulta un utile operativo comunque salito dal 15.3% al 16.8% delle vendite.
  • L’utile netto dichiarato cresce del 7% a 23.5 milioni, mentre quello rettificato scende del 6% a 28 milioni. Qui entrano in gioco una serie di partite “strane” tra cui la più importante è il beneficio dalla vendita del vino acquisito con le operazioni degli ultimi anni che sta scemando.
  • A livello finanziario, l’indebitamento finanziario cresce da 155 a 185 milioni di dollari canadesi, ma di questo incremento circa 18 milioni sono relativi alle rettifiche IFRS16. Se prendiamo soltanto il debito bancario, la crescita è più limitata, da 155 a 165 milioni circa e si confronta con investimenti stabili (23 milioni) e un incremento della remunerazione degli azionisti da 9 a 16 milioni di dollari (dovuto principalmente all’inizio di un programma di riacquisto azioni).

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>