Vendite al dettaglio di vino nella GDO in Italia – dati IRI, aggiornamento terzo trimestre 2020

nessun commento

Fonte: i dati utilizzati in queste elaborazioni sono forniti a titolo gratuito al blog da IRI.

Dopo il boom del lock-down (secondo trimestre +9%), le vendite al dettaglio di vino si sono quasi normalizzate nel terzo trimestre (+4%). Dico quasi normalizzate perchè in realtà questo +3.7% è un mix di tra i vini fermi, quasi stabili a +0.9% per via di un ritracciamento dei vini rossi e di bassa qualità, e un andamento molto sostenuto dei vini spumanti, cresciuti del 16%, dunque nel trimestre immediatamente precedente a quello critico, l’ultimo. Sono dati comunque non facili da interpretare, intrisi di effetti mai visti prima, come lo spostamento tra i canali di vendita (Ho.Re.Ca. rispetto alla distribuzione), effetti psicologici di “rivalsa” che hanno determinato un andamento molto migliore delle attese per tutte le categorie di bevande alcoliche: non solo vini, ma birre e aperitivi. Non solo in Italia, ma in tutta Europa, che è più che altri mercati esposta al canale dei bar e dei ristoranti. A che tipo di ultimo trimestre ci avviamo? Probabilmente per le vendite nella grande distribuzione sarà un altro periodo positivo, con i bar e i ristoranti che non lavorano di sera. Ci sarà forse l’incognita dei vini spumanti che in periodo di lock-down hanno avuto un andamento meno positivo di quello dei vini fermi. Tutto considerato, è possibile che la crescita del 7% di questi primi 9 mesi possa confermarsi anche per fine anno. Passiamo all’analisi dei dati.



 

  • Le vendite di vino nella GDO nel terzo trimestre sono cresciute del 3.7% a 618 milioni di euro, per un volume di 1.79 milioni di ettolitri, +0.8%. Il saldo dei primi 9 mesi raggiunge quindi 1.9 miliardi di euro e un +6.7%, mentre per i volumi il periodo gennaio-settembre ha totalizzato 5.66 milioni di ettolitri venduti, +5.1%.
  • Come anticipavamo sopra l’andamento è meno positivo per i vini fermi, che nel terzo trimestre sono cresciuti solo dell’1%, con i vini bianchi a +2.6%, i vini rosati +1.5% e i vini rossi invece in calo dell’1%, in un periodo stagionalmente poco rilevante per la categoria. Si ristabilisce invece la solita gerarchia che vede i vini di qualità guadagnare mercato contro i vini comuni, dopo il rimescolamento delle carte del lockdown: nel terzo trimestre i DOC/DOCG sono a +2.3%, gli IGT a +1.4% e i vini comuni calano del 3%. Nei primi 9 mesi del 2020 il 53% dei vini fermi venduti sono DOC/DOCG, il 27% IGT e solo più il 20% sono vini comuni.
  • Nel segmento degli spumanti le categorie che guidano la crescita restano gli Charmat secchi e i metodo classico, entrambi in crescita del 17% nel terzo trimestre, mentre gli spumanti dolci si sono fermati a un +2% e ormai rappresentano meno del 10% della categoria. Il segmento degli spumanti arriva dunque al suo trimestre critico con una crescita dell’11% sui 9 mesi, fatta da un +14% per gli Charmat secchi, un +10% per i metodo classico e un calo dell’8% degli spumanti dolci.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>