I risultati delle aziende e cooperative vinicole italiane 2018 – Rapporto Mediobanca

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il rapporto Mediobanca 2020 basato sui dati 2018 ha allargato in modo significativo la sua base di dati. Con quest’anno l’asticella scende a 20 milioni di euro di fatturato (25 in precedenza) e il campione si allarga da 168 a 215 aziende, in modo da ricomprendere circa il 78% del settore italiano del vino. Il modo in cui i dati vengono mostrati è anche stato aggiornato (ampliato) e questo crea qualche difficoltà nel riparametrare i dati del passato, soprattutto a livello patrimoniale: ho fatto del mio meglio per mantenere un confronto sensato con il passato. Fatta questa premessa, i dati 2018 (completi) e 2019 (solo per le vendite) non sono così positivi: i margini di profitto 2018 sono calati leggermente a fronte dell’incremento dei costi esterni: l’incremento dell’utile cumulato di queste aziende, +18% a 400 milioni di euro, è quasi tutto legato ad aspetti finanziari e fiscali. Nel 2019 il rapporto indica un incremento delle vendite dell’1% soltanto, contro il 6-7% annuo registrato tra il 2016 e il 2018, a causa dell’andamento negativo del mercato italiano dopo il forte incremento registrato nel 2018. Nei prossimi giorni procederemo a un’analisi delle varie sotto categorie, per ora concentriamoci sui dati generali.


 

  • Le 215 aziende del campione hanno vendite per 9.13 miliardi nel 2018, perfettamente bilanciate tra Italia (+10%) e estero (+4%). Il forte incremento delle vendite domestiche non viene però confermato dai dati preliminari 2019, che mostrano un calo del 2% per le vendite domestiche compensato dal +4% delle esportazioni. Il 2019 si presenta dunque come un anno di rallentamento delle vendite e sarà certamente seguito da un 2020 molto difficile.
  • La parte interessante è quella sui margini. Il campione nel suo insieme (ricordiamo ci sono le cooperative che diluiscono i dati) ha subito una ulteriore contrazione del valore aggiunto, con i costi esterni saliti dall’81.1% all’81.6%. Questi 50 punti base persi sono stati in parte recuperati attraverso il costo del personale, ma resta un calo dello 0.2% del margine operativo, dal 6.2% al 6.0%, con un incremento in valore assoluto del 3.4% nel 2019.
  • L’utile netto ha un andamento molto più positivo, +18% a 399 milioni di euro. Questo dato beneficia del calo dell’imposizione fiscale dal 25% al 23% e degli oneri finanziari netti da 44 a 24 milioni di euro.
  • Il ciclo degli investimenti si sta riprendendo con forza. Secondo Mediobanca il campione ha investito 558 milioni di euro, +20% sull’anno scorso con una incidenza del 6% sul fatturato. Un dato così elevato non si vedeva dal 2012. Questo determina un incremento verso la soglia dei 3 miliardi di euro dell’indebitamento, che da quest’anno è definito con più precisione. Il rapporto debito/EBITDA, parametro classico, resta intorno a 3.4 volte così come il rapporto debito/patrimonio, intorno a 0.5.
  • Il ritorno sul capitale investito sembra avere preso una piega negativa, come saldo tra il forte incremento del capitale investito (9.1 miliardi da 8.4) e della crescita striminzita dell’utile operativo. Siamo intorno al 6.6% che è un dato accettabile soltanto a fronte della attuale fase di tassi di interesse molto bassi.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>