Esportazioni di vino italiano – aggiornamento marzo 2020

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Beh, i numeri di oggi sono veramente sorprendenti. Dopo un febbraio traballante (+1% nonostante il 29 febbraio “in aiuto”), tutti aspettavano un marzo molto difficile per le esportazioni di vino visto che l’emergenza COVID ha cominciato a impattare il nostro export. Infatti, nel mese di marzo l’Italia el suo complesso ha esportato il 13.5% in meno del 2019, mentre nel segmento alimentari/bevande/tabacco il calo è addirittura stato del 29%. Ebbene, strano a dirsi ma non è stato così per le esportazioni di vino, che invece crescono del 2%. È ovviamente una questione di tempo, prima che il segmento vino si allinei al resto. Ce lo dicono diversi numeri di marzo e del primo trimestre (+5% nel suo complesso), come l’andamento fortemente positivo del mercato tedesco, svedese e canadese, ovviamente insostenibile. Di certo, non siamo “al dunque” del COVID per il momento, per cui l’appuntamento è rimandato al 19 luglio, quando pubblicheremo l’analisi relativa ad aprile. E a quel punto c’è da immaginare che qualche impatto si cominci a vedere.


  • Le esportazioni di vino in Marzo sono cresciute del 2% a 543 milioni, contro un calo del 29% della categoria alimentari/bevande/tabacco del 29% (1.94 miliardi in totale) e del 13% delle esportazioni italiane (dato grezzo di marzo: 35.9 miliardi di euro).
  • Il trimestre chiude dunque in positivo del 5%, grazie al dato molto positivo di gennaio, con una dinamica abbastanza simile tra vini fermi (poco più di +5%) e vini spumanti (circa 3%).
  • Dal punto di vista dei mercati i dati non sono invece così omogenei (e in marzo lo sono ancora di meno): nel trimestre Stati Uniti e Germania crescono del 10% e 15% rispettivamente. Sono tutti e due dati poco verosimili rispetto agli andamenti storici e ancora di più guardando avanti. Cala il Regno Unito del 17% e la Svizzera dell’11%, rimbalza del 15% il Canada, del 15-20% la Svezia, la Danimarca e i Paesi Bassi. La Cina diventa il mercato “numero 13” per l’Italia, con il crollo delle esportazioni di quasi il 50% nel primo trimestre. Trovate alla fine del post due grafici su Cina e Regno Unito con il valore delle esportazioni annuo degli ultimi anni e la media mobile chiusa a marzo 2020.
  • Il segmento dei vini in bottiglia continua ad andare meglio degli spumanti, principalmente a causa della minore esposizione al mercato inglese. In marzo il mercato americano è calato del 10%, correggendo in parte il dato molto forte dei primi due mesi, e chiudendo a +9%. La Germania è in crescita a doppia cifra. Insieme fanno circa i due terzi della crescita del primo trimestre.
  • Nel segmento degli spumanti il mese si chiude in modo positivo, +10%, e questo riporta il saldo del trimestre a +3%. Ne discuteremo nei prossimi giorni in un post apposito, ma chiaramente i dati sono fortemente influenzati da oscillazioni molto evidenti in mercati come la Germania (+53% in marzo, +19% nel trimestre) e gli Stati Uniti (+15% e +14% rispettivamente). Insomma, stesso discorso dei vini in bottiglia con l’incomodo di un Regno Unito pesante.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>