I consumi di vino totali e pro-capite nel 2019 – aggiornamento OIV

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

L’approccio che usa OIV per calcolare il consumo di vino nel mondo e nei diversi paesi è duplice: se possibile raccoglie i dati che provengono localmente. Se invece questi dati non sono reperibili fa un semplice calcolo di consumo apparente: vino che entra più vino che viene prodotto meno vino che esce uguale vino che viene bevuto. Questo calcolo che sul lungo termine è corretto, nel breve termine è soggetto a oscillazioni per le revisioni dei dati e perchè non è detto che sia bevuto esattamente nel periodo. Questo è il motivo per cui alcuni dati, anche del passato, vengono spesso modificati. Il calcolone totale però non sbaglia di tanto e ci dice che nel mondo il consumo di vino non cresce: l’incremento in alcuni paesi ricchi e culturalmente affini al vino come gli USA compensa il calo di consumo in altri paesi (che prima forse bevevano “troppo” vino) e di altri in cui il vino non riesce a imporsi come per esempio in Cina. Questo ci dicono i dati: gli americani bevono sempre più vino (anche se i dati passati sono stati rivisti un po’ al ribasso, mentre i cinesi, i francesi e altri stanno calando, per un totale di 244 milioni di ettolitri nel 2019, stabile rispetto al 2018. Ma guardiamo i numeri più nel lungo termine. Dal 2011 al 2019 per esempio, gli americani aumentano di 5 milioni di ettolitri, i francesi calano di 2, gli italiani sono circa stabili, i tedesci aumentano leggermente e i cinesi bevono di più… tutti dati che trovate nella tabella che segue nel resto del post. Cliccate se vi interessa…


 

  • OIV calcola per il 2019 un consumo di vino stabile a 244 milioni di ettolitri, perfettamente allineato alla media dell’ultimo decennio.
  • Il consumo più importante è nel mercato USA, con 33 milioni di ettolitri, +2% contro il 2018 e il 10% in più della media degli ultimi 10 anni, 30 milioni di ettolitri. Come vedete dal grafico iniziale, resta anche un mercato con forte potenziale di sviluppo. Gli americani sono 331 milioni e quindi bevono solo 10 litri pro capite all’anno.
  • La popolazione americana è quanto quella italiana, francese, tedesca, spagnola e inglese messe insieme (324 milioni). In questi 5 paesi si concentrano consumi per 94 milioni di ettolitri, quindi 3 volte tanto, 30 litri all’anno. Di qui un grande potenziale che viene peraltro confermato dalle statistiche di OIV, in costante crescita.
  • Dove le cose sembrano essere meno promettenti è la Cina, dove il vino è una bevanda consumata da pochi, tanto che il consumo medio pro capite è di 1.2 litri all’anno. Quanto il mio consumo di una settimana! Purtroppo a leggere le statistiche OIV il mercato ha fatto una “gobba” con un picco nel 2017 e nel 2018 e 2019 ha peso 1.5 milioni di ettolitri di consumo apparente, -3% solo nel 2019. Vedremo cosa succede: la Cina resta il quinto mercato mondiale per consumo di vino in volume, dopo Francia, Italia e Germania.
  • La classifica è un po’ più corta di quella dell’anno passato perchè mancano un paio di paesi nella tabella OIV. Qui sotto trovate anche quella relativa al consumo pro-capite in questi paesi. In termini relativi chi beve di più (escludendo i piccoli paesi come il Lussemburgo, che batte tutti) sono i portoghesi con 49 litri, seguiti dai francesi con 41 litri pro capite annui, poi noi italiani con 37 e dagli svizzeri con 31 litri. Tutti gli altri sotto i trenta litri. La media mondiale? 3.1 litri pro capite…

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>