Concha y Toro – risultati 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Concha y Toro arriva alla vigilia della crisi Coronavirus con numeri in forte progresso, frutto del piano di un piano di rilancio che sta avendo un grande successo. Il portafoglio di marchi è stato sfoltito (da oltre 300 a circa 220), l’azienda si è focalizzata su Casillero del Diablo, che è cresciuto del 13% nel 2019 e che ormai raggiunge il 21% delle vendite. Vanno anche molto bene i marchi dove hanno deciso di investire, sostanzialmente le eccellenze delle tre regioni produttive, Cile, Argentina e USA. Si tratta di marchi come Don Melchor e Marques de Casa Concha, Diablo, Cono Sur in Cile, Trivento in Argentina e Bonterra e 1000 Stories in America. Questa fetta di fatturato è oggi il 19% delle vendite ma cresce velocemente, +21% nel 2019. Metti insieme vendite in crescita, una più oculata destinazione degli investimenti commerciali nei mercati importanti e l’aiuto del cambio ed escono i numeri eccellenti del 2019: vendite in crescita del 7% a 657 miliardi di peso, EBITDA +23%, utile operativo +28% e utile netto +7% (causa forte incremento delle tasse e altri oneri). Ovviamente le azioni sono scese, ma qui stiamo facendo i conti con una bestia diversa, quella del Coronavirus, per la quale l’azienda non ha ancora fatto nessuna stima o commento. Non c’è connessione con l’andamento dei conti e con la buona strategia messa in campo. Passiamo a commentare qualche numero.


 

 

  • Le vendite 2019 sono cresciute del 7% a livello consolidato, con un incremento del 12% delle esportazioni e un leggero calo nel mercato domestico (dove il calo si è acuito sul finire d’anno causa problemi logistici legati alla crisi sociale nel paese), soprattutto legato ai prodotti non vino (spiriti principalmente). Con volumi incrementati soltanto dell’1% (3.1 milioni di ettolitri), tutto l’incremento viene generato dal prezzo mix, 3.24 euro al litro per le esportazioni in particolare.
  • I margini sono in forte miglioramento, con un EBITDA che passa dal 14% al 16% del fatturato grazie all’effetto combinato del miglior mix delle vendite, del cambio favorevole (svalutazione del peso cileno) e dei costi di acquisto delle materie prime, solo parzialmente compensato dai maggiori investimenti in comunicazione e distribuzione nel mercato americano. In valore assolut l’EBITDA cresce da 86 a 106 miliardi di peso, il valore più elevato di sempre (precedente picco nel 2016 a 94 milioni).
  • Il miglioramento si ribatte quasi completamente sull’utile operativo, cresciuto da 60 a 77 milioni, mentre l’utile netto passa da 49 a 52 miliardi a causa del saldo negativo delle altre spese non ricorrenti (che erano invece positivi l’anno scorso) e delle tasse.
  • Migliora anche la struttura finanziaria, seppur con un incremento del debito netto da 259 a 287 miliardi (di cui una decina dovuti a IFRS16). Nell’anno Concha y Toro ha investito 58 miliardi di peso contro 42 dell’anno precedente e prevede investimenti di 35 nel 2020. Il rapporto debito su EBITDA dunque cala da 3.0 a 2.7 volte.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>