USA – importazioni di vino – aggiornamento 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


 

Le importazioni americane di vino sono cresciute del 6% a 5.8 miliardi di euro nel 2019. In realtà questo progresso è completamente legato all’andamento del cambio. Quando tradotto in dollari americani, l’import è rimasto stabile a 6.5 miliardi di dollari, segnando il primo zero dopo tre anni di crescita tra il 3% e il 5%. Sono aumentati invece i volumi (+7%), segno che il vantaggio derivante dal dollaro forte è stato completamente assorbito dal mercato locale, mentre gli esportatori non ne hanno goduto. Il clichè dello scorso anno si ripete: la Francia cresce più dell’Italia (+8% contro +5%) grazie al migliore andamento dei vini fermi, mentre gli spumanti italiani continuano a fare meglio di quelli francesi, nonostante la distanza in termini di valore delle importazioni sia ancora molto significativa. Infine, con una crescita a doppia cifra, la Nuova Zelanda si impone come terzo esportatore di vino in USA, pur restando a una distanza siderale rispetto a italiani e francesi. Passiamo all’analisi dei dati, ricordandovi che i dati scaricabili e completi sono disponibili nella sezione Solonumeri.

 

  • Le importazioni americane di vino raggiungono quota 5.8 miliardi di euro nel 2019, con una crescita del 6.1% sul 2018 e del 6.6% in media sugli ultimi 5 anni. L’incremento più importante è come da diversi anni a questa parte nel segmento degli spumanti, +12% a 1.3 miliardi di euro (+13% annuo negli ultimi 5 anni), mentre per i vini fermi in bottiglia nel 2019 le importazioni si sono fermate a 4.23 miliardi di euro (+4%, leggermente sotto la media quinquennale di +5%). La categoria dei vini sfusi si conferma residuale a 0.3 miliardi di euro (+2% sul 2018, +3% mediamente negli ultimi 5 anni).
  • La posizione dell’Italia si conferma per il secondo anno consecutivo dietro la Francia. La distanza nel 2019 si è ampliata, dato che i francesi sono cresciuti dell’8% (1.98 miliardi di euro) mentre l’Italia ha fatto +5% (1.83 miliardi di euro).
  • A pesare sull’andamento del nostro export sono state le importazioni di vino in bottiglia fermo, dove peraltro l’Italia resta prima. La crescita nel 2019 è stata solo del 2% (quindi negativa in valuta locale) a 1.36 miliardi di euro, mentre la Francia ha esportato per 1.25 miliardi di euro, +6%.
  • Dove l’Italia va bene è nel segmento degli spumanti. Anche nel 2019 la crescita è del 15%, da 394 a 451 milioni di euro, superiore a quella francese, che comunque resta molto buona (+11% a 714 milioni).
  • Un breve cenno agli altri paesi: molto bene la Nuova Zelanda che ha messo nel mirino questo mercato, +11% a 431 milioni di euro nel 2019. Australiani e argentini sono stabili, mentre gli spagnoli crescono del 3%. Tornano a crescere del 6% le importazioni di vino dal Cile, dopo il tonfo del 2018.
  • Infine, i volumi, che sono in crescita del 7% a 12.3 milioni di ettolitri. Di questi, 7.3 milioni sono di vino in bottiglia fermo (stabile), 3.5 milioni sono di vino sfuso (+22%), mentre 1.5 milioni sono di vino spumante (+13%). Di questi ultimi 0.9 milioni provengono dall’Italia.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>