Piemonte – produzione di vino e superfici vitate 2019 – dati ISTAT

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Proseguiamo l’analisi regionale della produzione di vino 2019 con i dati del Piemonte, che trovate anche in formato copia-incolla nella nuova sezione Solonumeri del blog. I dati del Piemonte sono tra i meno volatili nel panorama italiano. Anche nel 2019, l’andamento della vendemmia è stato molto omogeneo, segnando un calo del 3% rispetto al 2018 (contro il -9% dell’Italia) e un volume produttivo di 2.6 milioni di ettolitri che è né più né meno la media storica degli ultimi dieci anni. Ma anche in Piemonte qualcosa cambia: la produzione si sposta gradualmente verso i vini rossi di qualità che sono saliti nel 2019 al 59% della produzione totale (registrando uno dei volumi più elevati di sempre, circa 1.5 milioni di ettolitri), trascinando la produzione DOC al 94% del totale, il livello più elevato di sempre per il Piemonte; i 152mila ettolitri di vino da tavola sono il livello più basso della storia. Bene, continuiamo con il commento e con il resto della galleria di grafici e tabelle.

  • Con una produzione di 2.57 milioni di ettolitri, il Piemonte rappresenta circa il 5% della produzione italiana di vino nell’anno. L’andamento della vendemmia è stato meno negativo che nel resto d’Italia (-3% contro -9%), ma il livello produttivo è più simile a quello medio storico, mentre per l’Italia parliamo di una vendemmia 2019 “superiore alla media”.
  • La produzione di vini DOC cala del 3% a 2.4 milioni di ettolitri e rappresenta il 94% del totale, mentre i vini da tavola, ormai residuali, scendono del 9% a 164 mila ettolitri.
  • Il secondo aspetto importante è il graduale spostamento sui vini rossi, che crescono nel 2019 del 2% a 1.62 milioni di ettolitri (il 7% sopra la media storica). Di questi, 1.5 sono vino DOC, +3%. Visti sotto un’altra ottica, i vini DOC sono il 19% della produzione DOC rossa nazionale.
  • I vini bianchi per converso vedono un calo della produzione del 12% a 946mila ettolitri, quindi circa il 10% sotto la media storica. Di questa produzione come sappiamo la parte del leone la fa la denominazione Asti: infatti anche per i vini bianchi la quota di DOC è molto importante: 900mila ettolitri dei 946mila totali.
  • Passando ai dati più strutturali, secondo ISTAT la superficie vitata cala dell’1% a 41mila ettari, contro un incremento del 3% per l’Italia in generale (dato da verificare siccome per legge la superficie non può crescere più dell’1%, anche se qui stiamo parlando di superfici in produzione). Secondo i dati, tra le zone più importanti, sono in calo le province di Asti e Alessandria, mentre cresce Cuneo. Mi paiono in questo senso dati coerenti con la sensazione del successo delle diverse denominazioni.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>