Esportazioni di vino italiano – aggiornamento gennaio 2020

nessun commento
[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

 

Commentare dei dati così positivi come quelli di export di vino in gennaio nel contesto in cui ci troviamo non è facile. La partenza del 2020 è stata particolarmente buona e supportata da un fortissimo (non ricorrente quasi di certo) incremento delle spedizioni nel mercato americano, che ha più che compensato il calo registrato nel Regno Unito e in genere negli altri mercati (messi tutti insieme). Con questa dinamica, si è anche consumato il sorpasso nel segmento degli spumanti tra Stati Uniti e Regno Unito, ormai una questione di tempo. Mettendo giù due numeri, le esportazioni di gennaio crescono del 13% a quasi 500 milioni di euro, portando il dato sui 12 mesi a quasi 6.5 miliardi di euro. Oltre al mercato americano va menzionata una buona partenza d’anno in Germania e Giappone e nei paesi nordici in genere. Passiamo a una breve analisi dei dati.

 

  • In gennaio le esportazioni di vino crescono del 12.9% a 495 milioni di euro, di cui 354 milioni di vini fermi in bottiglia, +16.6%, 105 milioni di spumante, +4.4% e 36 milioni di altri prodotti (di fatto sfusi fermi), +4.7%. La dinamica dei volumi resta positiva, con un incremento dell’8.7% a 1.64 milioni di ettolitri, con una spinta molto rilevante dai vini spumanti e dai vini sfusi.
  • In ragione d’anno, quindi nel periodo febbraio 2019-gennaio 2020, il dato totale è +3.8%, con un +4.8% per i vini fermi in bottiglia e +4.3% per i vini spumanti, segmento in cui il Prosecco continua a crescere (+14%) ma è compensato dal calo degli altri spumanti DOP.
  • Se guardiamo ai mercati comprendiamo cosa sta dietro a questo boom mensile. Il mercato americano cresce del 52% a 167 milioni di euro. Questi 57 milioni di euro in più sono esattamente uguali al +57 milioni del dato totale (da 438 a 495 milion) e dunque potremmo dire che gli Stati Uniti rappresentano il 100% della crescita. Pur essendo un ragionamento semplicistico, questo vi fornisce un’idea del dato. Anche il mercato tedesco parte bene, +5.4% a 79 milioni, mentre sono negativi i dati del Regno Unito (-20%) e della Svizzera (-13%). Si tratta ovviamente di un mese ma certamente qualche segnale lo fornisce.
  • Nel segmento degli spumanti, il mese chiude con un “magro +4.4% come dicevamo. È il saldo di una crescita del 7.6% del Prosecco e di un calo a doppia cifra sia per l’Asti che per gli altri spumanti DOP, come potete apprezzare dalla tabella allegata. In ragione d’anno, le vendite in USA sono ora 383 milioni e superano 8 milioni quelle nel mercato inglese, in regresso a 375 milioni di euro.
  • In attesa di valutare nei prossimi mesi l’impatto del virus, vi lascio alle numerose tabelle.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>