Il valore dei vigneti in Italia per regione e provincia – dati CREA, aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Nonostante l’andamento tutt’altro che rassicurante dell’economia italiana, il valore dei vigneti italiani è cresciuto leggermente anche nel 2018, garantendo dunque una adeguata protezione dell’investimento. Tutto questo naturalmente viene prima di considerare il valore generato in termini di produzione agricola.

I dati regionali e provinciali pubblicati da CREA indicano un incremento dello 0.7% per il 2018 da 53200 a 53600 euro per ettaro. In testa alla classifica regionale e provinciale troverete le zone che hanno una maggiore penetrazione di vini DOC e quelle soggette al boom degli spumanti in particolare. Toscana, Piemonte, Trentino Alto Adige e Lombardia sono tutte intorno al +2% o meglio, mentre si registra un leggero calo per i valore dei vigneti veneti, nonostante il beneficio del Prosecco.  Le regioni del sud Italia sono invece tutte a cavallo dello zero virgola più o meno e registrano valori assoluti sensibilmente inferiori. Visto che abbiamo appena analizzato gli stessi dati per la Francia, vale la pena di mettere giù un semplice confronto: l’incremento dello 0.7% dell’Italia per il 2018 si confronta con un +2.3% per la Francia, mentre in termini di valori assoluti non c’è confronto, dato che il vigneto francese viaggia in media intorno a 72-73mila euro per ettaro. Passiamo a commentare qualche dato.

 

  • Secondo CREA, il valore medio di un ettaro di vigneto è stato di 53600 euro, +0.7% sul 2017 e +1.2% annuo da 5 anni a questa parte.
  • Come vedete dalle tabelle lo spettro è molto ampio: si passa dai 13mila euro della Sardegna (+0.4%) ai 255mila euro del Trentino Alto Adige (+2.1%).
  • Le crescite più elevate nel 2018 sono relative alla Toscana (+4.1%), alla Valle d’Aosta (+4%), alla Lombardia (+2.5%), al Trentino Alto Adige (+2.1%) e al Piemonte (+1.8%).
  • L’unico dato nettamente negativo è quello invece del Veneto, -0.9%, che viene però da anni molto positivi (ancora +1.6% negli ultimi 5 anni).
  • Su un orizzonte di 5 anni, i dati sono più omogenei: le regioni che hanno avuto le migliori performance sono quelle del nord Italia, con Piemonte/Valle d’Aosta intorno al 2% annuo, Lombardia, Veneto/Friuli Venezia Giulia sull’1.5% insieme alla Toscana e il Trentino Alto Adige con la Liguria sull’1%. L’unica regione del sud secondo CREA con un andamento positivo del valore fondiario dei vigneti è la Puglia, con un +1.2% annuo.
  • Passando ai dati provinciali, la lista si allunga e il range si allarga. Il dato di Bolzano, 400mila euro per ettaro è stabile, mentre cresce a 181mila euro (+4.6%) il valore medio della provincia di Trento. Trovate poi Treviso a 180mila euro ma in calo del 2%, Verona a 150mila stabile e Cuneo a 133mila (+1.6%).
  • Se infine passiamo a un orizzonte decennale, a livello regionale il Piemonte (+2.3% annuo) e la Valle d’Aosta (+2.9%) sono chiaramente avanti rispetto a tutte le altre regioni.
  • Vi lascio alla consultazione delle lunghe tabelle!
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>