Hong Kong – importazioni di vino – aggiornamento 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Hong Kong sta vivendo una fase molto difficile della sua storia e oggi ne analizziamo le implicazioni per il locale mercato del vino, con i dati 2019 di UN Comtrade sulle importazioni. Si tratta di dati di non facile lettura, per due motivi: Hong Kong è un mercato molto aperto, ex colonia inglese, con dei rapporti strettissimi con la vicina Cina (da dove proviene molto vino e dove va molto del vino importato) e con il Regno Unito (che figura tra gli esportatori più importanti). Detto questo, le difficoltà che Hong Kong affronta da un paio di anni e che sono esplose da agosto 2019 in avanti hanno determinato un vero e proprio crollo delle importazioni di vino, -23% in valore e -21% in volume. Ne parliamo anche perchè nonostante il -21% Hong Kong importa 1 miliardo di euro di vino (per 412mila ettolitri), e quindi resta un mercato di assoluta rilevanza mondiale per il commercio di questo prodotto nonostante circa 180 milioni di euro (112mila ettolitri) siano poi ri-esportate, principalmente verso la Cina e Macao. Ma cosa ci dicono questi dati? Che per il momento il crollo del mercato del vino è principalmente legato all’interscambio con la Cina, crollato dell’82% nel 2019. Se escludiamo questo dato, il resto delle importazioni di vino sono in realtà in calo soltanto del 5%. Passiamo a leggere i dati.

 

  • Le importazioni di vino di Hong Kong sono calate del 23% a 1009 milioni di euro nel 2019 e del 40% rispetto al picco toccato nel 2016 a 1.4 miliardi di euro. In termini di volume gli andamenti sono simili, con un calo del 21% del volume a 412mila ettolitri che aveva invece toccato un picco a oltre 600mila ettolitri in passato.
  • Come dicevamo sopra ci sono due tendenze diverse, entrambe negative. Le importazioni dalla Cina, che crollano da 297 milioni a 54, -82%, e quelle del resto del mondo che passano da 1006 a 951 milioni di euro.
  • La Francia ovviamente domina incontrastata con 404 milioni di importazioni dirette nella colonia, in calo del 4% nel 2019 ma dopo un 2018 che fu il massimo storico. Viene da immaginare che anche i 159 milioni di euro di export del Regno Unito (-14% questo) sia principalmente legato ai vini francesi.
  • Comunque, per trovare esportazioni “dirette” dell’Italia verso Hong Kong, dobbiamo far passare anche gli USA, l’Australia, la Cina appunto e Singapore (altro mercato di transito come il Regno Unito). I produttori italiani hanno dunque direttamente spedito a Hong Kong soltanto 25 milioni di euro di vino, contro i 404 dei francesi. Decisamente troppo poco.
  • Concluderei facendo notare che “non è finita”. Il primo semestre 2019 sommerà problemi strutturali dei rapporti con la Cina con il coronavirus ed è quindi ovvio che la pressione al calo continuerà. Lo vedremo nei numeri dell’anno prossimo.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>