Esportazioni di vino italiano – aggiornamento 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

I dati di dicembre delle esportazioni di vino sono molto incoraggianti, soprattutto se letti nel contesto di questi giorni (a proposito, coraggio!). L’incremento del 9% si sostituisce a un dato sbiadito dello scorso anno e consente di chiudere l’anno a +3.4%, che è stato un po’ il ritmo tenuto durante l’anno e non è tanto distante dalla performance dei francesi, +4.6%. 6434 milioni di euro, quindi. E 21.8 milioni di ettolitri, questi invece in crescita del 10% circa. Quando si scende nel dettaglio i dati sono molto volatili, soprattutto negli ultimi mesi, anche in mercati significativi come gli Stati Uniti, che hanno chiuso il 2019 con un ottimo +5.3% (aiutato dal cambio però) con variazioni di mese in mese tra il -7% e il +30%. Chi ha rallentato dunque la nostra corsa: il Regno Unito con gli spumanti, la Svizzera e il Canada, la Svezia e la Danimarca. Ma di qui in avanti meglio concentrarci sui dati positivi: i mercati più in crescita nel 2019? Russia e Lettonia.

I dati sono già caricati nella sezione Solonumeri. Passiamo ora in rassegna i principali dati.


 

 

  • Le esportazioni di vino italiano nel 2019 crescono del 3.4% a 6434 milioni di euro, per un volume di 21.8 milioni di ettolitri e dunque un prezzo medio al litro di 2.95 euro (-6%).
  • A differenza degli scorsi anni, caratterizzati dalla crescita tumultuosa dei vini spumanti, nel 2019 i dati sono più omogenei: i vini fermi in bottiglia crescono del 4.2% a 4.4 miliardi di euro, quelli spumanti del 4.6% a 1.6 miliardi di euro, mentre in vini sfusi sono in calo dell’8% a 430 milioni di euro, essenzialmente a causa del crollo dei prezzi (a loro volta fortemente cresciuti nel 2018).
  • Dal punto di vista dei mercati di sbocco, abbiamo detto degli USA che allargano la forbice con gli altri paesi crescendo del 5% a 1.54 miliardi di euro, per un volume in crescita del 3% a 3.5 milioni di ettolitri. Il mercato tedesco resta per l’Italia il punto di riferimento per i volumi (+18% a 6.1 milioni di ettolitri) ma cresce in valore soltanto del 2.2%. Il terzo mercato più importante, il Regno Unito, ha avuto un pessimo 2019, chiudendo a -6.2% (con un ultimo trimestre orribile) in valore a 771 milioni di euro e in calo dell’1% a volume a 2.9 milioni di ettolitri. I dati relativi al mercato degli spumanti (-11% a 382 milioni di euro sono chiaramente la principale causa, anche se non sono brillanti nemmeno i dati dei vini fermi in bottiglia (+1%).
  • Trovate in allegato un tabellone con tutti i dati dei mercati principali, replicato nella sezione Solonumeri. Scorrendola troverete i dati molto positivi della Francia, del Giappone, dei Paesi Bassi e della Russia.
  • La Cina, giusto per non dimenticarcela, nel 2019 è l’undicesimo mercato per l’Italia con 134 milioni di euro e, alla fine, non è andata male: +5%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>