Sud Africa – produzione di vino e superfici vitate, aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La vendemmia 2018 si è rivelata la peggiore da diversi anni a questa parte per il Sud Africa, con una produzione calata a 8.2 milioni di ettolitri, la più povera dal 2010 a questa parte. Ma c’è di più, oltre a una annata andata male: da ormai 5 anni la superficie vitata sudafricana sta calando. Nel 2018 si sono persi altri 1500 ettari per arrivare a 93mila, dopo che si era toccato il massimo di circa 102mila nel 2005. I vitigni più importanti del paese, sia bianchi che rossi, stanno perdendo ettari di anno in anno e l’unica varietà in crescita è quella del Sauvignon Blanc tra i bianchi (qualità per la quale il Sud Africa è particolarmente vocato), mentre tra i vini rossi non si intravedono tendenze positive di sorta. Dopo la forte crescita degli ultimi anni, anche i consumi interni di vino hanno segnato il passo, calando del 5% rispetto al 2017, a un ritmo molto simile a quello della riduzione delle esportazioni. Passiamo a commentare qualche dato.

 

  • La produzione di vino 2018 è stata di 8.24 milioni di ettolitri, in calo del 10% sul 2017 e del 12% sotto la media degli ultimi 5 anni.
  • La vendemmia è stata particolarmente negativa per i vini bianchi, scesi del 14% nell’anno e sotto dello stesso livello rispetto alla media, mentre nel segmento dei vini rossi (che rappresentano circa 3.1 milioni di ettolitri contro i 5.2 dei bianchi), le cose sono andate decisamente meglio, con un calo del 4% sullo scorso anno e dell’8% rispetto alla media 2013-2017.
  • Il mercato interno assorbe circa 3.9 milioni di ettolitri di vini naturali, e 0.4 milioni di ettolitri tra vini fortificati e spumanti, per un totale di 4.3 milioni di ettolitri. Il calo è del 4% sul 2017 ma l’andamento degli anni precedenti è stato talmente positivo che si può parlare di una “correzione”.
  • Al contrario dell’andamento produttivo, le esportazioni (-7% a 4.15 milioni di ettolitri per i vini naturali fermi) sono più “resistenti” nel segmento dei bianchi (-6% a 2.14 milioni di ettolitri) che dei rossi (-14% a 1.51), mentre sta crescendo in modo importante la tipologia dei rosati (+25%), anche se rappresenta ancora una quota esigua dei consumi (0.4 milioni di ettolitri).
  • Passando ai dati sulla base ampelografica nazionale, scende del 2% la superficie vitata rispetto al 2017. Il calo è leggermente più marcato per i vitigni rossi, ma anche i bianchi sono in flessione, -2% e -1% rispettivamente.
  • Infine, un’occhiata ai vitigni in particolare. Il più coltivato resta lo Chenin Blanc, calato del 2% a 17200 ettari, seguito da un altro bianco, il Colombard, a 10800 ettari (-4%). Tra i rossi il vitigni principale resta il Cabernet Sauvignon, che perde il 2% di ettari a 10200, ma anche tutti gli altri (Merlot, Pinotage, Shiraz sono in calo). L’unico segno positivo come dicevamo è il Sauvignon Blanc, +3% a 9600 ettari.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>