Settore vino contro settore bevande – dati Mediobanca 2017/2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Torniamo oggi su un argomento che mi sta a cuore, che è quello del modello di business del settore vino e di come si confronta con quello più ampio del settore delle bevande (alcoliche e analcoliche). I dati ci vengono forniti da Mediobanca Research, che compila un “cumulativo” di entrambi i settori nel mercato italiano: il settore delle bevande, di cui trovate i dati in fondo al post, e quello del vino, che allo stato attuale è ancora un anno indietro (ci si ferma al 2017). Insomma, che cosa dovremmo portare a casa da questi grafici e da queste tabelle. Direi quanto segue: 1) come in passato il segmento del vino è in crescita più sostenuta di quello generale delle bevande. Negli ultimi 5 anni, +5% annuo contro circa +3.5%; 2) il settore vino sta continuando a internazionalizzarsi (51% estero nel 2018), mentre quello delle bevande resta più legato al mercato domestico (40% esportazioni); 3) se escludiamo le cooperative, il segmento vino ha mantenuto un margine uguale o migliore di quello delle bevande e ha gradualmente migliorato il ritorno sul capitale, mantenendo una leva finanziaria più pronunciata. Passiamo a leggere qualche numero insieme.

 

  • Il settore vino è cresciuto del 7.5% nel 2018 e del 4.9% annuo negli ultimi 5 anni, contro rispettivamente il 6.2% e 3.6% per il settore bevande, qui rappresentato con un fatturato di 11.6 miliardi di euro.
  • I margini di profitto di entrambi i settori sono migliorati negli ultimi anni a oltre il 9% (MOL/fatturato) per il settore bevande. Lo stesso livello è stato raggiunto dal settore vino, ma solo se escludiamo le cooperative (altrimenti si scende al 6.4%);
  • Se misurato in termini di ritorno sul capitale, il miglioramento rispetto alla crisi del 2012-13 è evidente per entrambi i campioni. Il settore bevande sale dal 7.5% al 9.5% del 2018 (leggermente meno che nel 2017), mentre il settore vino passa dal 6.2% al 9% del 2017. Anche per il settore vino, che appare un anno in anticipo rispetto alle bevande nei trend di margini e ritorno, si è verificato un leggero calo rispetto all’anno precedente.
  • In termini di leva finanziaria, il settore bevande viaggia con 3.5 miliardi di euro di debito su 1.5 miliari di MOL, quindi circa 2.4 volte. Su questo indicatore i dati sono piuttosto diversi da quelli del segmento vino, che invece (escludendo le cooperative) è molto più levereggiato, intorno a 3.3 volte il debito su MOL. La maggiore intensità di capitale del settore del vino (e il basso ritorno legato alle attività immobiliari spesso presenti) ovviamente suggerisce un maggior ricorso al debito sia per finanziare gli ingenti investimenti che per cercare di migliorare il ritorno sul capitale.
  • Se avete bisogno di chiarimenti sono a disposizione!
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>