Schloss-Wachenheim – risultati 2018/19

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

I dati 2018-19 di Sektkellerei Schloss Wachenheim (SSW da ora in avanti) mostrano quanto stiano diventando complicati i mercati dell’Europa continentale. Il produttore di vini spumanti tedesco ha chiuso un anno con un piccolo progresso delle vendite (+4%) ma un calo dei margini principalmente legato al mercato francese, dove non escluderei che possa sentire la competizione dei vini italiani. La chiusura di alcuni contratti di distribuzione e l’aumento dei prezzi dettato dall’incremento dei costi delle materie prime e dalla minore disponibilità di prodotto (le bottiglie vendute sono calate del 2% a 226 milioni), hanno messo pressione ai risultati. Gli azionisti non sono stati felici: le azioni durante l’anno sono rimaste bloccate intorno a 16-17 euro per azione, per una valutazione di mercato di circa 130 milioni di euro, il che significa intorno a 12 volte l’utile netto e 7.4 volte l’utile operativo. Per l’esercizio 2019-20, SSW prevede un leggero incremento delle vendite ma non degli utili, previsti stabili rispetto al 2018-19, con un recupero in Francia compensato dal mercato tedesco e dell’Est Europa. Passiamo ai dati.


 

  • Le vendite 2018-19 sono cresciute del 4% a 337 milioni di euro, grazie all’Europa dell’Est, cresciuta del 10% a 128 milioni di euro (con un incremento del 6% delle bottiglie vendute a 81 milioni di euro). Nel mercato domestico le vendite crescono dell’1% a 114 milioni con un calo del 7% delle bottiglie vendute, mentre in Francia il fatturato è stabile a 100 milioni, con un calo del 5% dei volumi (66 milioni di bottiglie). Da un punto di vista dei prodotti, le vendite di spumante e di vini fermi sono entrambe in crescita del 5%, mentre i prodotti alternativi sono stabili.
  • I margini sono come dicevamo in compressione. Nel 2018-19 il margine operativo scende dal 7.3% al 6.8%, quindi da 24 a 23 milioni di euro, con un forte peggioramento in Francia (dal 7.3% al 6.6%) e una normalizzazione nel mercato dell’Est Europa (dall’elevatissimo livello dell’11.4% al 10% circa). Il mercato tedesco passa dal 2% al 3% e resta il meno profittevole.
  • Dal punto di vista finanziario, SSW è riuscita a ridurre il debito da 42 a 39 milioni di euro, che corrisponde a un rapporto di 1.2 volte l’EBITDA, quindi molto contenuto. Gli investimenti materiali sono stati 14 milioni contro 12 dell’anno scorso, cui si aggiungono riacquisti di minoranze in aziende controllate per circa 3 milioni di euro. Gli azionisti hanno incassato 4 milioni di euro di dividendi contro 3.8 dell’anno precedente, mentre 2.6 milioni (2.9 l’anno precedente) sono stati pagati agli azionisti di minoranza delle aziende del gruppo.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>