Francia – produzione di vino 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La produzione di vino francese è stata particolarmente ricca nel 2018, in linea con quanto visto negli altri paesi europei, frutto di condizioni climatiche eccellenti che hanno spinto la produzione soprattutto nelle zone più a nord del paese, come la Champagne, la Borgogna e l’Alsazia. Detto questo, la produzione di 49.5m di ettolitri, +34% rispetto al 2017, è del 13% superiore a quella dei 5 anni precedenti. Sullo stesso indicatore l’Italia è stata il 18% sopra, la Spagna il 17% e la Germania il 19%. La produzione mondiale dell’anno (294 milioni di ettolitri circa) è stata del 10% circa sopra la media. Entrando nel dettaglio, i maggiori scostamenti positivi sono stati nei vini comuni, nella produzione di vini atti alla distillazione e, direi di conseguenza, nei vini bianchi rispetto ai vini rossi. Per il 2019, i francesi prevedono un calo di oltre 7 milioni di ettolitri, per tornare a 42.5 milioni di ettolitri, il 6% sotto la media storica. Ma per ora restiamo sui dati del 2018.


 

  • La vendemmia 2018 è stata di 49.5 milioni di ettolitri, con un incremento del 34% rispetto all’anno precedente e del 13% sopra la media storica.
  • La superficie vitata in Francia non è invece cresciuta, rimanendo a 745mila ettari, di cui 78mila sono adibiti alla produzione di vini per la distillazione.
  • I vini di qualità AOC sono stati 22.9 milioni di ettolitri, +29% e il 12% sopra la media storica, soprattutto con riferimento ai vini bianchi, cresciuti del 35% nell’anno e il 22% sopra la media, a 8.6 milioni di ettolitri. I dati dei vini rossi (13.8 milioni di ettolitri) sono stati positivi ma in modo meno evidente, visto lo scostamento dell’8% circa rispetto alla media storica.
  • I vini AOC da distillazione sono stati la categoria più in crescita, con una produzione che si avvicina a 10 milioni di ettolitri (+45%, 21% sopra la media storica), il livello più elevato di sempre, spinto dalla crescente domanda di Cognac.
  • I vini IGP sono stati quelli meno beneficiati dalla ricca vendemmia, mentre per i vini comuni la produzione è passata da un minimo storico a un livello molto rilevante di 4.5 milioni di ettolitri.
  • Il quadro vede dunque una produzione molto forte di vini bianchi, +43% a 24.5 milioni di ettolitri, rispetto ai vini rossi, +27% a 25 milioni di ettolitri, rispettivamente il 24% e il 5% sopra la media storica.
  • Terminiamo con le produzioni per area. La Champagne è chiaramente dove la produzione è stata maggiore che in passato, con 3.4 milioni di ettolitri va del 39% sopra la media storica di 2.6 milioni e rimbalza del 75%. Nel 2019 si dovrebbe tornare in linea con la media a 2.5 milioni. Sono poi molto elevati i dati produttivi di Loira e Borgogna, a 3.4 e 2.9 milioni di ettolitri, del 34% e 29% sopra la media storica. Nel caso di Bordeaux, invece, i 5.5 milioni di ettolitri prodotti sono soltanto l’8% in più della media: nella zona più importante dal punto di vista economico per il vino francese l’anno d’oro tra gli ultimi è il 2016.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>