Spagna – esportazioni di vino – aggiornamento primo semestre 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Le esportazioni di vino spagnole arretrano del 9% nel primo semestre 2019, nonostante un discreto incremento dei volumi (+6%) esportati, praticamente vanificando l’ottima performance della prima parte del 2018. Il calo è esteso a tutte le categorie, spumanti compresi. Va menzionato in particolare l’arretramento del vino spagnolo nel suo principale mercato, la Germania, -18%, ma anche la pessima performance in Francia e Cina, che sono mercati piuttosto importanti. Si tratta di una questione di prezzo più che di volumi, anche se la crescita del 6% a 11 milioni di ettolitri (0.7m in più dell’Italia) si concretizza soprattutto per un incremento di 0.5 milioni di ettolitri di spedizioni in Portogallo. Anche per gli spumanti non è stato un buon semestre, a causa dei crolli nel mercato tedesco e francese, non compensati dall’andamento positivo in Giappone, diventato il quarto mercato per importanza (a valore). Visto nel panorama europeo delle esportazioni dei primi 6 mesi, questa è una delle peggiori performance: il mercato si è ripreso del 3-4% rispetto al 2018, con un incremento importante delle esportazioni francesi (+6%) e italiane (+3%): questo calo del 9% è decisamente controcorrente! Passiamo ad analizzare i dati.


 

  • Le esportazioni di vino spagnolo sono calate del 9% a 1306 milioni di euro. Il calo è concentrato nel segmento dei vini sfusi, -23%, che di fatto torna al livello del 2016, 293 milioni di euro. Non sono però positivi neanche i dati del vino in bottiglia, -3.3% a 817 milioni di euro e, un po’ a sorpresa, dei vini spumanti, -8% a 195 milioni di euro.
  • I volumi esportati sono cresciuti del 6% a 11 milioni di ettolitri, ossia 0.7 milioni di ettolitri. L’incremento è però molto disomogeneo: in altre parole sono soltanto due i mercati che lo spiegano: il Portogallo, +0.5 milioni di ettolitri e la Russia +0.25 milioni di ettolitri. I dati relativi ai due mercati chiave per i volumi, la Francia e la Germania, 2.7 e 1.8 milioni di ettolitri rispettivamente, sono stabili.
  • Passando al valore delle esportazioni, la Germania come dicevamo cala da 199 a 164 milioni di euro, -18%, con una riduzione di tutte le categorie come vedete dalle tabelle, ma chiaramente un impatto forte nel segmento dei vini sfusi. Tiene il mercato americano, +2% a 146 milioni (il più importante per il vino in bottiglia), mentre crolla del 33% la Francia a 133 milioni, che prende in pieno l’onda calante dei prezzi dei vini sfusi. L’altro mercato chiave, sopra i 100 milioni nel semestre, il Regno Unito, scende del 2%, il che non è male vista la situazione locale.
  • Il quinto mercato resta la Cina, dove però la Spagna perde terreno per il secondo anno consecutivo e dove il calo si concentra nel segmento ad alto valore, quello dei vini in bottiglia.
  • Nel segmento degli spumanti, che valgono 195 milioni, -8%, i dati sono molto volatili, anche data la bassa stagionalità del periodo. Molto negativi sono i dati di esportazione in Germania e Francia (-26%), non compensati dalla forte crescita nel mercato giapponese (+36%).

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>