Francia – esportazioni di vino – primo semestre 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Per i primi 6 mesi del 2019 la Francia ha avuto un ottimo andamento delle esportazioni di vino, che hanno segnato una crescita del 6% pur in rallentamento verso la fine del semestre. Quello che succederà da ora (ottobre) in avanti è un punto di domanda. Come sapete le esportazioni di vino francese (ma anche spagnolo) verso gli USA saranno tassate del 25%. Si tratta della categoria dei vini in bottiglia, quindi non degli Champagne (si vede che a Trump quelli piacciono…). Si tratta di 1.26 miliardi di dollari (2018) che rappresentano l’11.5% delle esportazioni francesi dello stesso periodo (9.3 miliardi, di euro però). Gli americani pagheranno il 25% in più per avere lo stesso prodotto? Oppure spenderanno uguale e importeranno di meno? Oppure sceglieranno altri prodotti? Vedremo, certamente non si tratta di una buona notizia per il vino francese. Per ora concentriamoci su questo +6%, meglio del nostro +3%, supportato da un eccellente andamento degli Champagne e (tanto per cambiare) dai vini di Borgogna.


 

  • Le esportazioni francesi di vino sono cresciute del 5.9% nel semestre 2019 a 4669 milioni di euro. Il volume esportato è invece poco più che stabile a 7.02 milioni di ettolitri, il che restituisce un prezzo medio di esportazione di 665 euro al litro, +5.3%.
  • Lo Champagne resta la principale categoria, pur in un periodo di bassa stagionalità, con export di 1.26 miliardi di euro, +8.6% dopo un primo semestre 2018 in rallentamento. Il volume esportato cresce del 2%, per un prezzo medio di esportazione di ben EUR28 al litro. Se allarghiamo l’andamento agli ultimi 12 mesi lo Champagne è in crescita del 5% circa, per un valore annuo vicinissimo ai 3 miliardi di euro.
  • I vini di Bordeaux sono cresciuti del 2.4% a 1.16 miliardi di euro nonostante il calo del 6% dei volumi a 843mila ettolitri. Il prezzo medio sale quindi del 9.6% a 13.2 euro al litro. Pur in rallentamento, i vini di Borgogna continuano a correre più di quelli di Bordeaux. Parliamo naturalmente di numeri differenti, 469 milioni di euro, +10%, per un volume di 282mila ettolitri, +5%. Il prezzo sale ulteriormente, raggiungendo 16.6 euro al litro, +5%.
  • Infine, il resto delle esportazioni francesi, quindi tutte le altre regioni, cresce del 5% a 1.8 miliardi di euro, anche in questo caso con un miglioramento del prezzo medio, salito da 323 a 335 euro per ettolitro, +3.7%, e un volume di 5.44 milioni di ettolitri, +1.5%.
  • Il confronto con l’Italia lo trovate nel grafico sotto, dove vedete l’evoluzione in termini relativi (base 100 il 2015 per entrambi). Come vedete l’andamento è perfettamente sovrapponibile durante il 2018, mentre nei primi 6 mesi del 2019 la Francia è andata un filo meglio di noi, anche se giugno è stato un mese negativo per tutti (luglio per la Francia positivo a +10%).

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>