Germania – esportazioni di vino 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Questo post lo affronto sempre con circospezione, perché la Gerrmania è ovviamente famosa per le esportazioni, ma non di quelle di vino. Eppure, anche in questo settore la Germania ha i suoi buoni “numeri”. Oltre 1 miliardo di euro di esportazioni per 3.7 milioni di ettolitri e alcuni mercati (a guardare il prezzo medio di import) dove il prodotto è molto apprezzato: USA, Norvegia, Svizzera e Cina. Tutto dentro quindi i tedeschi restano una delle 10 potenze mondiali del vino, anche se la loro produzione metà del vino che viene consumato nel paese. Il 2018 in particolare è stato un buon anno, con il record storico di export in valore, non in volume. Olanda e Regno Unito restano le due principali destinazioni, con quest’ultimo (insieme alla Franca) che fornisce un forte contributo al risultato positivo. Passiamo a commentare qualche numero.


 

  • Le esportazioni tedesche toccano quota 1046 milioni di euro nel 2018, con una crescita del 3%, aggiornando il massimo storico precedentemente toccato nel 2013 a 1031 milioni di euro.
  • La composizione dell’export è per circa l’80% sul vino fermo in bottiglia e per il 12% rappresentata dagli spumanti. Proprio gli spumanti sono la categoria che più ha contribuito nel 2018, con una crescita del 9% da 118 a 129 milioni di euro, mentre i vini in bottiglia sono passati da 806 a 817 milioni.
  • Sull’arco di 5 anni le esportazioni totali sono sostanzialmente ferme, nel caso degli spumanti la crescita media annua è stata del 3%.
  • Se guardiamo ai principali mercati, l’Olanda resta la principale destinazione del vino tedesco, con 146 milioni, ma in calo del 7% nel 2018 (stabile rispetto al 2013). Il secondo mercato per importanza è il Regno Unito, che invece è la vera sorpresa di questi dati, in crescita per i tedeschi da 92 a 119 milioni di euro, +29%, recuperando un pezzo del terreno perso nel 2016 (quando le esportazioni toccarono il loro picco a 143 milioni).
  • Tra gli altri mercati, vale la pena di sottolineare il balzo dei vini tedeschi nel mercato francese, da 35 a 58 milioni di euro (+67% e +9% medio annuo dal 2013, da 6 a 9 milioni di euro per gli spumanti) e nella repubblica Ceca (+28% a 29 milioni e una crescita annua sui 5 anni dell’11%).
  • Oltre al calo del 7% in Olanda, i vini tedeschi hanno avuto un anno negativo in Polonia (-24% a 51 milioni, altrimenti in forte crescita negli anni precedenti) ma anche in Svizzera, (-8% a 51 milioni) e in Cina (-9% a 24 milioni).
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>