Esportazioni di vino italiano – aggiornamento maggio 2019

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Con il mese di maggio le esportazioni di vino fanno un ulteriore passo in avanti. Il mese si chiude con un incremento del 6%, il che porta a +5.5% il saldo da inizio anno e a +4% quello degli ultimi 12 mesi. In questo post di metà agosto vi inserisco numerose tabelle, con qualche annotazione da fare: primo, come già visto nei mesi precedenti i vini in bottiglia stanno crescendo di nuovo. A maggio +8%, nei primi 5 mesi dell’anno +6.4%. Questo è un dato particolarmente importante perché la categoria rappresenta 4.3 dei 6.3 miliardi di esportazioni di vino. Secondo, il Prosecco continua a crescere a tassi incredibilmente elevati (+22% sia in maggio che nei primi 5 mesi), ma nel loro complesso gli spumanti sono a +5% in maggio e +7% nei primi 5 mesi a causa dei dati negativi sia relativi all’Asti spumante che agli spumanti DOC. Questi ultimi, pur in contesto di bassa stagionalità hanno perso il 30% nei primi 5 mesi del 2019. Il semestre dunque si dovrebbe chiudere bene, intorno al +5%, anche se nel periodo estivo lo scorso anno i dati furono molto forti (con un fine anno meno positivo), per cui potremmo trovarci tra qualche settimana a commentare qualche dato meno incoraggiante. Passiamo in rassegna qualche numero insieme.


  • In maggio 2019 l’Italia ha esportato 573 milioni di euro di vino, +6.4% sull’anno precedente e 1.98 milioni di ettolitri, +15%, per un prezzo medio di 2.9 euro, in calo del 7% praticamente tutto a causa del calo delle quotazioni dei vini sfusi. Il saldo da inizio anno raggiunge i 2.53 miliardi, +5.5% con i vini in bottiglia a +6.4%, gli spumanti a +7.5% e gli sfusi in calo dell’8%.
  • Nel segmento dei vini in bottiglia dicevamo che i dati sono particolarmente positivi, in maggio in praticamente tutti i grandi mercati. Allargando l’analisi ai primi 5 mesi è evidente che gli USA non stanno andando bene (+3% con un forte aiuto del cambio significa essere sotto in valuta locale). Sono invece molto positivi i dati di Germania (+11%), Regno Unito (+9%), Paesi Bassi e Giappone (+15% e +23%), mentre di segni meno se ne vedono pochi, solo la Svezia tra i mercati più importanti.
  • Nel segmento dei vini spumanti, sono i mercati secondari a spingere. Infatti come vedete dalla tabella, USA e Regno Unito sono in crescita tra il 3% e il 5% nel periodo gennaio-maggio, ma anche Germania e Svizzera, terzo e quarto mercato si collocano in quella fascia. Il dato del +7% è fatto dai mercati più piccoli: Francia (che sui 5 mesi ha superato la Svizzera, non ancora sull’anno), Russia, Belgio, Canada e Giappone sono tutti in crescita a doppia cifra.
  • Bene, con questo post vi ho anche inserito un lungo tabellone che analizza la performance dei primi 25 mercati in valore con il dato annuale a fine maggio. Nella parte “che non si vede” va certamente annotato l’andamento della Polonia (in positivo) e quello del Brasile (in negativo).

 

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>