Banfi – risultati e dati di bilancio 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il bilancio delle due anime di Banfi, la società agricola e quella commerciale, mostra nel 2018 un leggero calo dei margini a fronte di un fatturato stabile, soprattutto nelle aree chiave dell’azienda, l’Italia e gli USA. Ciò che però colpisce è che da 5 anni a questa parte gli investimenti sono cresciuti in modo significativo e il 2018 è il terzo anno in cui gli investimenti sono superiori alla generazione di cassa: 10.4 milioni contro circa 8 milioni; negli ultimi 5 anni 48 milioni di euro investiti contro i 14 dei precedenti 5 anni, tutti finanziati con la generazione di cassa propria dell’azienda e un leggero ricorso a nuovo debito (circa il 15% del totale). Scorrendo la relazione degli amministratori si trovano diverse tracce: l’ampliamento comparto frutta (conoscete le prugne secche di Banfi?), i nuovi impianti di vigneto a Montalcino e di Novi Ligure e l’ampliamento della parte ospitalità che fattura oltre 5 milioni di euro. Si tratta di interventi che generano un ritorno nel medio termine, la parte dei vigneti per esempio a partire dal 2022. Passiamo quindi a una breve analisi dei dati 2018, ricordando che l’azienda Banfi è strutturata con una società commerciale e da una società agricola (che opera in modo indipendente in USA e poi vende alla commerciale il resto dei prodotti). Nella tabella trovate i dati “combinati” di fatturato, patrimonio netto e debito e separati di utili così potete analizzare meglio come si muovono i due pezzi. Buona lettura.


 

  • Le vendite sono state sostanzialmente stabili intorno a 69 milioni, con un incremento del 10% delle aree cui Banfi è meno esposta (Europa ex Italia e Asia) e un leggero calo sia in Italia che in Nord America. In Nord America la causa principale è la riduzione dei volumi in Canada, mentre le vendite sul mercato USA sono sostanzialmente stabili. A fronte di tali variazioni, Italia e Nord America rappresentano circa il 35% delle vendite ciascuno.
  • Il margine operativo lordo combinato delle due aziende scende da circa 10 a 9 milioni di euro, con un calo del 9% e un margine del 13% rispetto al 14% del 2018. A determinare il calo della profittabilità nel 2018 è stata sostanzialmente la combinazione di vendite stabili e di un leggero incremento dei costi del personale e dei servizi.
  • Scendendo nel conto economico, gli ammortamenti sono stabili mentre calano sia gli oneri finanziari (da 0.8 a 0.4 milioni di euro) che le tasse (da 0.8 a 0.6), per cui a livello di utile netto “combinato” delle due unità che formano Banfi, si passa da 1.6 a 1.2 milioni di euro.
  • Dal punto di vista finanziario la generazione di cassa è stata dunque sostanzialmente invariata intorno a 8 milioni di euro, cui si aggiunge un leggero beneficio dal capitale circolante (circa 1 milione). Dall’altro lato Banfi ha invece incrementato di nuovo gli investimenti, come accennavamo sopra, da 7 milioni del 2017 a oltre 10 milioni nel 2018 (dal 10% al 15% del fatturato).
  • L’indebitamento finanziario netto quindi cresce leggermente, da 22 a 23.6 milioni di euro, passando da 2.3 a 2.7 volte il margine operativo lordo, un livello comunque molto limitato anche considerando l’ingente patrimonio immobiliare e biologico dell’azienda (oltre 60 milioni di euro).
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>