Sud Africa – esportazioni di vino 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Le esportazioni di vino del Sud Africa toccano il loro massimo storico sia in valuta locale che in Euro nel 2018, mentre dal punto di vista dei volumi, il record del 2013 è ancora lontano. I dati di UN Comtrade riportano un valore di 662 milioni di euro, in crescita del 4% sul 2017 e leggermente sopra al precedente record storico. Sorprendentemente quando guarderete questi numeri vi troverete con un dato molto forte del Regno Unito, che è il principale mercato per il vino sudafricano, ma anche del mercato tedesco, secondo mercato per importanza. La crescita di questi due mercati (oltre che le ottime performance in Francia e Medio Oriente) ha consentito di compensare la debolezza del prodotto africano in Nord America e in Olanda, altro mercato importante. Resta la sensazione di un andamento particolarmente erratico per area geografica e di un paese che con il 30% di esportazioni in forma sfusa non riesce a imporsi come dovrebbe nel panorama vinicolo mondiale. Passiamo ai dati.


 

  • Le esportazioni di vino del Sud Africa crescono del 4% a 662 milioni di euro con un volume in crescita del 2% a 5.3 milioni di ettolitri. La svalutazione del Rand ha aggiunto cinque punti percentuali alla crescita in valuta locale, +9% per raggiungere 10.35 miliardi di Rand.
  • Dal punto di vista dei prodotti, il Sud Africa ha esportato 205 milioni di euro di vino sfuso, in crescita del 10% e 430 milioni di euro di vino in bottiglia, +1%. In termini di volume si tratta rispettivamente di 3.1 milioni di ettolitri (-2%) e 2.1 milioni di ettolitri (+11% per il vino in bottiglia).
  • Dal punto di vista dei mercati, il Regno Unito cresce del 19% a 126 milioni di euro e ritorna sopra il precedente massimo del 2013. Di questi circa 42 milioni di euro sono vino sfuso (molto meno dei 50 che si registravano 5 anni fa). I dati del Regno Unito sono dunque buoni sia per valore assoluto che per mix. Il volume esportato cresce del 9% a 1.1 milioni di ettolitri.
  • Anche in Germania le cose vanno bene: volumi +16% a quasi 1 milione di ettolitri, valore +12% a 86 milioni di euro.
  • Sono invece in forte regresso (-15%) le esportazioni in USA e Olanda, a 44 e 35 milioni di euro rispettivamente. Quasi stabili Nambia e Cina, troviamo ancora dati negativi scendendo nella lista per il Canada (-8%) e per la Svezia (-9%), però quasi compensata dalla crescita in Danimcarca.
  • Come rimarcavamo nell’introduzione due mercati stanno crescendo forte da livelli piuttosto bassi: la Francia (+29%) e gli Emirati Arabi Uniti (+37%, con una bella progressione anche negli anni scorsi).

 

Se siete arrivati fin qui……ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>