Sartori – risultati e analisi di bilancio 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Nel 2018 Sartori ha raggiunto il suo record storico di vendite a 52 milioni di euro, con una crescita molto bilanciata tra Italia ed estero, dove si sono registrati forti progressi in diversi mercati. Tale successo commerciale non si è però tradotto in maggiori utili, principalmente a causa dell’incremento del costo delle materie prime e della difficoltà di trasferirne l’impatto nei prezzi di vendita, soprattutto con i clienti della grande distribuzione. I dati relativi agli utili sono dunque meno positivi, segnando un calo del 15% circa che poi corrisponde al progresso realizzato nel 2017. Maggiori volumi di vendita hanno anche portato all’incremento del magazzino e del capitale circolante. Ciò, insieme agli investimenti per il rinnovo delle strutture (fruttaio e impianto di depurazione) ha appesantito la struttura finanziaria, che vede un debito di 12.6 milioni. Le prospettive per il 2019 non sembrano essere improntate all’ottimismo: la pressione della grande distribuzione sui prezzi continua e la concorrenza nelle denominazioni chiave in cui Sartori opera è in crescita. A ciò si aggiungono alcuni possibili cambi di distributore (Russia, forse USA) che potrebbero creare dei temporanei “buchi” nelle vendite; a fronte di queste sfide sul fronte delle vendite, la normalizzazione dei prezzi delle materie prime potrebbe aiutare i margini a recuperare dal livello depresso del 2018. Passiamo all’analisi dei dati.


 

  • Le vendite crescono dell’8% a 52.6 milioni di euro, con un contributo equivalente del fatturato italiano, +8% e di quello estero (+7%). In Italia le vendite presso la grande distribuzione (oltre l’80% del totale) crescono del 4%, soprattutto a causa dei prodotti a basso prezzo, mentre sono in forte progresso le vendite nel canale tradizionale e Ho.Re.Ca. su cui Sartori sta cercando di espandersi. All’estero Sartori realizza circa il 72% delle vendite. Nel 2018 sono stati registrati forti progressi in diversi mercati, primo tra tutti gli USA, +20%, dove però potrebbero sorgere problemi con il distributore.
  • I margini sono stati impattati dal costo delle materie prime: cresciuto dal 68% al 69.5% del fatturato, decisamente il livello più elevato degli ultimi 5 anni. Sono invece stabili in relazione alle vendite il costo del personale e gli altri costi. Il Margine operativo lordo scende del 12% a 2.7 milioni di euro con un calo del margine dal 6.2% al 5.1%.
  • Sotto il MOL crescono un po’ gli ammortamenti e gli oneri finanziari, mentre le tasse sono al 28% del fatturato contro il 30% dello scorso anno. L’utile netto torna agli 1.4 milioni del 2016 dopo il balzo a 1.7 milioni del 2017.
  • Dal punto di vista finanziario i debiti crescono a 12.6 milioni da 9.4. L’incremento è dovuto al nuovo piano di investimenti per il rinnovo del fruttaio e dell’impianto di depurazione, per investimenti totali di 1.4 milioni (0.2 milioni nel 2017), da un incremento del capitale circolante per un paio di milioni (tutto magazzino) e da dividendi per 1 milione di euro (+18% sull’anno precedente). A fronte di questi esborsi, il cash flow si è attestato a poco meno di 2 milioni.
  • Il capitale investito dunque cresce a 25 milioni (da 22) e insieme al calo dell’utile operativo determina una diluizione del ritorno sul capitale dal 12% al 9%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>