Santa Margherita – risultati e dati di bilancio 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Nel 2018 il Gruppo Santa Margherita ha registrato un utile netto stabile, un incremento del 5% delle vendite (nonostante l’impatto negativo dei cambi e anche grazie alle acquisizioni) ed è riuscita a ridurre leggermente il debito. La stabilità dell’utile è anche frutto del minor peso degli oneri straordinari e della minore imposizione fiscale nella controllata americana, mentre l’utile operativo è calato del 7%, con una riduzione del margine dal 27% al 24% principalmente risentendo dei cambi negativi e della maggior incidenza del costo della materia prima. Sono da menzionare noltre l’impatto diluitivo (per il momento) delle acquisizioni di Ca Maiol in Lugana e di Cantine Mesa in Sardegna (entrambe circa in pareggio), non compensate dagli ottimi risultati di Ca del Bosco, il cui margine operativo passa dal 23% al 27% e rappresenta con 11 milioni di euro circa un quarto degli utili di Santa Margherita (prima di considerare le minoranze). L’ultima annotazione, prima di addentrarci nei numeri, è relativa agli investimenti del 2018, soprattutto nella fase agricola con l’acquisizione di terreni, che hanno superato quota 30 milioni, di cui 21 milioni a Ca del Bosco. Nonostante questo, come dicevamo, il debito scende a 140 milioni grazie alla ottima generazione di cassa e al controllo del capitale circolante. Poco si dice del 2019, se non che i primi due mesi dell’anno (comunque poco significativi) sono partiti un po’ a rilento.


 

  • Le vendite 2018 sono salite del 4.6% a 177 milioni. Per quanto non sia stato pubblicato il dato a parità di cambi, con una svalutazione del dollaro del 4% circa e 94 milioni di vendite (2017) della controllata americana, possiamo ipotizzare un impatto negativo del 2-2.5% . Le vendite in Italia sono infatti in crescita più marcata (+13%) di quelle estere (+1%). Guardando ai principali marchi, è stabile Santa Margherita (+1.5% a 97 milioni) e Lamole di Lamole (5 milioni), mentre cresce del 6% Ca del Bosco (a 39 milioni). Tutto il resto cresce del 12% a 36 milioni, in gran parte grazie al consolidamento per 12 mesi di Cantine Mesa (+3.7 milioni circa dei 4 totali).
  • I margini sono in calo per il secondo anno consecutivo, dopo il balzo del 2016 occorso a valle della acquisizione della controllata americana. Cercando di scomporre la riduzione del margine operativo di 3 punti dal 26.6% al 23.6%, possiamo dire che circa 0.6% viene dal costo del venduto (dal 54.9% al 55.5%), l’1.4% dal costo del personale (acquisizioni e rafforzamento dell’organizzazione, soprattutto in US a occhio), mentre l’ulteriore 1% viene dall’aggravio degli ammortamenti dopo i forti investimenti degli ultimi anni.
  • Sotto l’utile operativo salgono leggermente gli oneri finanziari ma calano le perdite su cambi (+2.5 milioni) e soprattutto le imposte (+4.4 milioni, soprattutto lato americano). Di conseguenza l’utile chiude a 26.2 milioni di euro, nonostante l’aumento degli interessi di minoranza (+0.8 milioni per i maggiori utili di Ca del Bosco, detenuta al 60%).
  • L’indebitamento netto scende da 147 a 140 milioni, con un capitale investito che invece sale da 247 a 265 milioni di euro a fronte dei forti investimenti. Nel 2018 va sottolineata l’ottima gestione del circolante (che ha restituito 2 milioni) e i forti investimenti (oltre 30 milioni come dicevamo). Con questi numeri Santa Margherita resta una delle più profittevoli aziende italiane nel settore del vino. I crescenti investimenti nell’integrazione a monte (terreni e impianti di produzione) e le nuove acquisizioni (che ancora non contribuiscono agli utili) stanno diluendo leggermente il ritorno sul capitale, sceso dal 18% al 16%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>