Il valore della produzione di vino nel mondo – stima INDV 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

L’estrema volatilità dei prezzi di esportazione del vino nel 2018 ha reso difficile elaborare questa analisi, che riproponiamo ogni anno combinando i dati di produzione OIV (corretti per quelli nazionali ove disponibili) e i dati delle dogane, per dare un’idea dell’evoluzione del valore della produzione vinicola dei vari paesi. Nel 2018 come abbiamo visto qualche giorno fa i volumi esportati sono calati e i prezzi cresciuti, in virtù della scarsa produzione 2017. Nel 2018 la produzione si è ripresa vigorosamente e confrontare una produzione record con dei prezzi record è certo fuorviante. Per questo motivo da quest’anno ho deciso di confrontare la produzione con il livello dei prezzi medio degli ultimi 3 anni invece che soltanto dell’anno puntuale. Il risultato non cambia in termini di gerarchie. Nell’ambito di un mercato del vino valutato in circa 84 miliardi di euro e cresciuto mediamente del 5% negli ultimi 5 anni, Francia, Italia e USA restano i tre principali paesi produttori per valore (non per volume) e coprono un buon 60% del totale, con la Francia che rappresenta il 33% e l’Italia il 17%. È infine interessante notare come la quota di questi paesi non stia calando ma anzi, forse cresce anche, e visibilmente, nel caso dell’Italia e degli USA. Passiamo all’analisi dei dati.

 

  • Il prezzo medio mondiale di esportazione 2016-2017-2018 è stimato in circa 295 euro a ettolitro (rispettivamente 285, 289 e 306 euro), ottenuto dal dato dei principali paesi esportatori e utilizzando un forfeit con lo sconto del 30% per il resto della produzione (circa un quinto del totale).
  • Come ogni anno “ipotizziamo” che questo prezzo sia il valore medio del vino prodotto nel paese. Un’assunzione piuttosto vera per paesi con forte vocazione a esportare come Italia, Francia, Australia e Cile, forse un po’ meno per mercati come gli USA dove la maggior parte del vino prodotto viene consumato in loco.
  • A ogni modo 295 euro a ettolitri moltiplicato per 285 milioni di ettolitri prodotti fa 84 miliardi di euro, che ben si confronta con il dato depresso del 2017 (+19%), con la media del decennio (+26%) e mette in luce una crescita media negli ultimi 5 anni del 5% circa.
  • La Francia rappresenta un terzo del valore del mercato mondiale del vino, nonostante produca soltanto il 16% del totale, grazie al valore superiore dei suoi prodotti. Calcoliamo un valore della produzione 2018 di circa 29 miliardi di euro, in crescita del 5.5% negli ultimi 5 anni e del 32% sul 2017.
  • L’Italia “vale” 14-15 miliardi di euro ma soprattutto è il paese con il più forte progresso (salvo per l’Argentina) con una crescita dell’8% annuo dal 2013 al 2018. Vengono poi gli USA con poco meno di 9 miliardi di euro stimati e un progresso del 7% annuo, molto più costante di quello italiano e francese per via della minore volatilità della produzione di vino.
  • Dietro questi paesi troviamo la Spagna, con 5.7 miliardi di valore della produzione, l’Argentina con 4 miliardi (anche se in questo caso stiamo moltiplicando valori esportativi particolarmente alti rispetto, immagino, alla qualità del prodotto consumato nel mercato domestico), l’Australia con 2.7, la Germania con 2.6 e il Cile con 2.5 miliardi, a riprova che la classifica fatta con gli euro e non con gli ettolitri è ben diversa!
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>