I risultati 2017 delle aziende produttrici di spumante – rapporto Mediobanca

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il segmento delle aziende produttrici di spumante è senza dubbio la “punta di diamante” del settore italiano del vino. E i numeri che presentiamo oggi mettono in luce anche per il 2017 una serie di fattori molto positivi: crescita delle vendite più marcata nonostante la maggior dipendenza dal mercato domestico (59% contro 48% per il settore in generale), margini più elevati e via dicendo. Tutta questa positività viene però da un ciclo di investimenti molto marcato, come dire che dietro queste crescite e a questi utili ci sono investimenti molto significativi, pari a quasi il 6% del fatturato nel 2017 ma soprattutto pari a oltre il doppio degli ammortamenti effettuati. Come per il settore del vino in generale nel 2017 si è invertita la tendenza alla riduzione del debito, proprio in conseguenza della ripresa significativa degli investimenti. Passiamo in rassegna in principali numeri.


 

  • Le vendite delle aziende concentrate nel settore degli spumanti (34 nel campione Mediobanca relativo al 2017) hanno realizzato un fatturato di 1.6 miliardi di euro nel 2017, +10%, e di 1.72 miliardi nel 2018, +7%, con una crescita del 12% e del 7% rispettivamente nei mercati esteri e del 9% e 7% nel mercato italiano. Si tratta dunque di dinamiche più contenute rispetto a quanto visto per quanto riguarda le esportazioni di vini spumanti, cresciute nominalmente del 14% e 11% nel 2017 e 2018 rispettivamente.
  • I margini si sono ripresi leggermente dopo il forte calo del 2016 (causato dall’aumento dei prezzi del Prosecco). Nel 2017 a fronte degli 1.6 miliardi di fatturato il valore aggiunto ha toccato quota 259 milioni di euro, il 16.1% contro il 15.7% dell’anno scorso, mentre con un aumento del 6% del costo del personale, il margine operativo lordo cresce del 18% a 153 milioni, con un margine del 9.5% sulle vendite. L’utile operativo di 113 milioni è pari al 7% delle vendite, contro il 6.4% del campione totale. L’Utile netto scende invece da 87 a 83 milioni di euro essenzialmente a causa del ribaltamento di 30 milioni nelle poste straordinarie, senza le quali la crescita dell’utile “rettificato” sarebbe stata del 25% circa.
  • Passando alla parte finanziaria, il rapporto segnala un incremento dei debiti a 581 milioni di euro, con investimenti passati da 70 a 92 milioni, pari al 5.7% del fatturato. I rapporti di indebitamento crescono ulteriormente a 3.8 volte il MOL e 0.7 volte il patrimonio netto, contro 4.3 volte e 0.7 volte rispettivamente per il campione Mediobanca nel suo complesso.
  • Vi lascio con i numerosi grafici di confronto tra le aziende spumantistiche e il cumulato delle 168 aziende.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>