Svezia – importazioni di vino 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La Svezia ha importato 2.1 milioni di ettolitri di vino nel 2018, in calo del 4%, ma la “premiumizzazione” del mercato continua imperterrita con una crescita a valore in valuta locale del 10%, che porta il ritmo degli ultimi 5 anni a +6%. Purtroppo, come abbiamo già visto per l’altro mercato nordico (la Danimarca) a vincere nel 2018 è stata la Francia e non l’Italia. Il nostro export continua a essere fortemente supportato dalla crescita degli spumanti, ma nel 2018 abbiamo perso 120mila ettolitri di vini sfusi che ci sono costati una decina di milioni di euro. Se aggiungiamo a questo la svalutazione della corona svedese del 6% (che continua a ritmo meno marcato nel 2019), il dato dell’Italia in euro è fermo a 161 milioni di euro. I francesi invece riescono a crescere del 7% in euro (+14% in valuta locale) e toccano la loro massima quota di mercato, il 28%, contro il nostro 24%. In forte ascesa è anche il vino spagnolo, per quanto ancora su un livello largamente inferiore al nostro. Passiamo in rassegna i dati principali.

 

  • La Svezia ha importato 2.07 milioni di ettolitri di vino nel 2018, -4%, per un valore di 663 milioni di euro, +3%. Tradotto in corone svedesi, si tratta di 6.8 miliardi di corone, +10%.
  • Il mix delle importazioni continua dunque a crescere. I vini in bottiglia crescono del 2% a 363 milioni di euro, mentre i vini spumanti balzano da 119 milioni a 140 milioni di euro, +18%, mantenendo un ritmo forsennato del 14% annuo dal 2013 a questa parte.
  • L’Italia è ovviamente protagonista di questa forte crescita dei vini spumanti. Nel 2018 abbiamo esportato 42 milioni di euro, +35% sul 2017 e +28% annuo dal 2013, contro i 67 milioni dei francesi, che pur sono cresciuti del 9% rispetto al 2017. I dati sono comunque positivi anche per gli spumanti spagnoli, che seguono a distanza con 21 milioni di euro, +20%.
  • Dove l’Italia perde posizioni è sul lato dei volumi, pur restando il principale operatore da questo punto di vista. Le importazioni in volume di vino italiano calano da 521mila a 419mila ettolitri, interamente a causa di un calo di 120mila ettolitri di vino sfuso, nell’ambito di un forte calo dell’import a volume della categoria, da 541mila a 310mila ettolitri di vino.
  • La Francia rafforza dunque la sua leadership, passando da 176 a 188 milioni di export, +7%, con un dato molto positivo anche sui vini in bottiglia, +9% a 98 milioni di euro.
  • L’Italia resta bloccata a 161 milioni, sostanzialmente a causa di un saldo neutro tra spumanti che crescono e sfusi che calano, e un export di vini fermi in bottiglia stabile a 93 milioni di euro. Proprio nel 2018 dunque l’Italia perde il primo posto a vantaggio della Francia nella categoria.
  • Dopo Francia e Italia nel ranking generale cresce la Spagna del 10% a 70 milioni e il Sud Africa del 10% a 37 milioni di euro, mentre scendono del 14% le esportazioni tedesche a 33 milioni e del 10% quelle americane a 27 milioni. Visti i dati negativi del Cile, possiamo anche quest’anno concludere che la Svezia resta un mercato fortemente legato ai vini del vecchio mondo.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>