Svizzera – importazioni di vino – aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Le importazioni di vino in Svizzera sono rimaste stabili nel 2018 in euro e cresciute del 4% circa in franchi, in un contesto di costante calo dei volumi importati. Sebbene l’Italia resti il principale esportatore, è successo quasi quanto è accaduto in Danimarca. I prodotti francesi, da diversi anni superati da quelli italiani, si sono ripresi vigorosamente negli ultimi 2 anni e nel 2018 dei 1032 milioni di euro, praticamente 370 ciascuno sono italiani e francesi, il che significa il 35-36% del mercato dei vini esteri ciascuno. A fronte di questa quota del 36% del valore l’Italia guida poi la classifica dei volumi con 721 mila ettolitri, contro i 384mila dei francesi. La ripresa della Francia, a spese di praticamente tutti gli altri esportatori in Svizzera è quindi il principale dato che emerge dall’analisi, nonostante nel segmento degli spumanti (che invece cresce leggermente) l’Italia stia guadagnando quote di mercato. Passiamo ai dati.


 

  • La Svizzera ha importato 1032 milioni di euro di vino nel 2018, che corrispondono a 1191 milioni di franchi svizzeri. La crescita in valuta locale è stata del 4%, ma in realtà in euro la variazione è nulla vista la leggera svalutazione valutaria.
  • I volumi importati continuano a calare, -5% nel 2018 a 1.77 milioni di ettolitri. Si tratta del valore più basso registrato negli ultimi anni. A perdere volume sono tutti gli esportatori, spagnoli su tutti (-17% a 255mila ettolitri), salvo i sudafricani (+57% a 71mila ettolitri) e gli australiani (+39% a 33mila ettolitri). Per quanto riguarda l’Italia, le esportazioni in volume sono calate del 7% a 721mila ettolitri.
  • L’Italia resta di un soffio davanti alla Francia, con 372 milioni di esportazioni, -1%. All’interno di questo dato si cela un calo del 3% dei vini in bottiglia a 277 milioni e un buon progresso dei vini spumanti, +8% a 59 milioni.
  • Nel segmento degli spumanti la Francia resta il paese di riferimento, con 107 milioni, +1%. Il totale esportato dai francesi cresce però in modo più sostenuto, +10% a 229 milioni, e quindi il saldo del 2018 è positivo, con una crescita del 7% a 368 milioni di euro, praticamente a pari con l’Italia.
  • Dati negativi sono anche quelli degli spagnoli, in calo del 6% a 126 milioni di euro e dei tedeschi, -5% a 35 milioni di euro. Si salvano i portoghesi, in crescita del 5% a 35 milioni e gli austriaci, +3% a 19 milioni. Tutti gli altri calano, soprattutto gli americani a guardare la tabella: -18% a 21 milioni, dopo i progressi degli ultimi anni.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>