Nuova Zelanda – esportazioni di vino – aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il raffreddamento degli scambi mondiali ha colpito anche l’ultima tigre dell’export del vino, la Nuova Zelanda. I grafici come sempre sono più eloquenti delle parole: potete vedere che la crescita del 2018 è “rallentata” al 3% ed è ben lontana dal 7% registrato nei 5 anni. Se poi tramutate questi dati in Euro il numero che andremo a mettere tra un paio di mesi nel tabellone dell’export mondiale è 1.01 miliardi di euro, -4% rispetto ai 1.06 miliardi del 2017. Come già abbiamo visto per il Cile, a frenare la Nuova Zelanda è la stabilizzazione del vino sfuso (non abbiamo dati sui volumi purtroppo per quest’anno, ma certamente ciò deriva da meno volumi e più prezzi) e dal deciso rallentamento delle esportazioni in USA (dove le ambizioni però restano forti) e nel vicino mercato australiano. La Nuova Zelanda ha anche invertito la rotta in Cina (e a Hong Kong), a segnalare se ce ne fosse ancora bisogno che probabilmente i tempi della crescita facile in quel mercato sono terminati. Passiamo a commentare brevemente i dati.


  • Nel 2018 le esportazioni hanno toccato quota 1.73 miliardi di dollari locali, pari a 1.01 miliardi di euro. La crescita in valuta locale è stata del 3%, mentre in Euro si legge -4%. Sia in Euro che in NZD nel quinquennio le esportazioni di vino neozelandese sono state in crescita del 6-7% annuo.
  • Non abbiamo purtroppo i dati completi sui volumi, salvo qualche dato per nazione, per cui non pubblichiamo la tabella.
  • Tornando alle principali tipologie di vino, il vino sfuso è stabile a 375 milioni NZD, mentre la crescita si concentra nel vino in bottiglia, +3% a 1342 milioni.
  • Il mercato principale resta di gran lunga quello americano, dove però le esportazioni non sono cresciute nè in valuta NZD (522 milioni, +1%), né in valuta locale USD (361 milioni, -2%), né in Euro (306 milioni, -6%). Piuttosto a sorpresa anche la Nuova Zelanda ha registrato un progresso nel Regno Unito, dove con una crescita del 6% ha toccato il picco storico di 412 milioni di dollari NZD esportati, mentre l’Australia ha subito un calo del 4%.
  • Uno dei mercati a più forte crescita è il Canada, che accelera a +12% nel 2018 a 130 milioni. Va specificato che la distanza dai primi tre mercati è piuttosto importante.
  • Cosa dire di più: mah, sembrerebbe che sia cominciata una fase di diversificazione geografica del prodotto neozelandese. Anche i dati 2018 mettono in luce una crescita del 7% dal quarto mercato in giù, e ci sono oltre al Canada anche altri mercati come la Germania e la Francia dove si notano forti progressi. Restano degli andamenti erratici.
  • Quello che sembra meno erratico invece è il calo del 9% delle esportazioni in Cina e Hong Kong (messi insieme 53 milioni di dollari NZD)… vi lascio alle tabelle…
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>