Esportazioni di vino italiano – aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Gli ultimi due mesi dell’anno ci hanno un po’ rovinato la festa. Questo dicono i dati ISTAT rilasciati proprio stamattina sulle esportazioni di vino italiano. Nel mese di dicembre si è verificato un inaspettato calo del 5%, soprattutto perché costruito contro un andamento non positivo nel dicembre 2017. Quindi siamo passati nel giro di due mesi da un +5% annuo al dato finale di +3.5%, per 6204 milioni di euro. I volumi sono stati anch’essi in rallentamento, e quindi abbiamo chiuso a 19.9 milioni di ettolitri, -8%. Nel mese di dicembre sono state negative tutte le categorie, spumanti inclusi. Nonostante le speranze fossero riposte in un guadagno di quote di mercato nei paesi emergenti e più lontani, alla fine il risultato lo abbiamo raggiunto grazie ai paesi sviluppati e consolidati: Stati Uniti, Germania, Svizzera, Francia, Svezia sono tutti cresciuti più della media. E alla fine dell’anno, come potete apprezzare dai lunghi e nuovi tabelloni che ci sono alla fine del post, la Cina ha comprato meno vino del 2017. Passiamo a un breve commento dei dati.


  • Il 2018 si chiude con un incremento delle esportazioni di vino del 3.5% a 6.2 miliardi di euro, nella parte bassa delle aspettative, direi, visto l’andamento fortemente negativo di dicembre, a -5% e di novembre a -1%. I volumi esportati sono anch’essi calati dell’8% a 19.9 milioni di ettolitri.
  • I vini spumanti sono chiaramente il principale driver di crescita, +11% a 1.5 miliardi di euro, anche se la crescita è progressivamente rallentata fino al +3% di novembre e al -3% di dicembre. Per i vini in bottiglia, l’anno si chiude stabile a 4.2 miliardi di euro, ma anche in questo caso gli ultimi mesi dell’anno si sono rivelati piuttosto difficili (-3% novembre, -5% dicembre).
  • Se passiamo alle aree geografiche, e tenendo un approccio generale, gli Stati Uniti con 1.46 miliardi di euro e una crescita del 4% e la Germania, 1.03 miliardi di euro +4.9% sono chiaramente i fattori trainanti del nostro export. Il Regno Unito chiude il 2018 a +2% e 827 milioni mentre la Svizzera cresce del 5% a 377 milioni di euro.
  • Come anticipavo sopra sono piuttosto deludenti i dati della Cina, dove le esportazioni dell’ultimo trimestre sono calate mediamente del 15% anno-su-anno, e quindi alla fine dai 130 milioni di euro dell’anno scorso siamo scesi del 2% a 127 milioni di euro. Brutto dato. Altri mercati un po’ critici sul fine d’anno sono la Francia (gilet gialli?) e il Belgio, come anche la Danimarca.
  • Infine, vi posto anche un tabellone qui sotto sui volumi esportati. Dei 19.9 milioni di ettolitri, 5.2 milioni vanno in Germania (-9%), 3.4 milioni negli USA (+1%), 2.9 milioni nel Regno Unito (-8%) e 867 mila in Francia (-18%).
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>