Esportazioni di spumante Italia – aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Le esportazioni di spumante italiano nel mondo hanno toccato quota 1.5 miliardi di euro e 3.9 milioni di ettolitri, anche se gli ultimi mesi hanno visto un graduale rallentamento della crescita, +11% in euro e +6% in ettolitri. Dicembre in particolare è stato il primo mese negativo per le esportazioni a valore da ottobre 2015 a questa parte. Il calo è stato limitato, -4%, ed è stato determinato dall’indebolimento dell’Asti (che comunque ha chiuso un buon anno) e dagli altri spumanti DOP, che invece hanno perso il 9% rispetto all’anno precedente. Come per le esportazioni totali, vi ho messo alla fine del post un tabellone con l’andamento storico 2010-2018 a valore dei primi 25 mercati degli spumanti italiani. Come potrete apprezzare, i dati sono positivi per tutti i mercati, salvo uno: la Cina. Il 2019 sarà un anno importante perché… non si vive di solo Prosecco, per quanto questo prodotto, ormai esportato per oltre 900mila ettolitri abbia ancora molta strada da fare. Passiamo a commentare brevemente i dati.


  • Le esportazioni di spumante sono cresciute dell’11.3% a 1513 milioni di euro. Si tratta di un ottimo risultato, considerando che nel 2017 il progresso è stato del 14%, dopo il 22% del 2016 e il 16% del 2015, quando le esportazioni toccarono quota 1 miliardo di euro.
  • I volumi esportati sono rallentati a 3.9 milioni di ettolitri, +6%. Anche in questo caso la crescita si sta affievolendo rispetto al +10% del 2017 e al +20% del 2016.
  • Il Prosecco, che da due anni viene rilevato è la parte preponderante delle esportazioni, con un contributo di 924 milioni di euro, +15% e 2.25 milioni di ettolitri, +10%. I principali mercati del Prosecco si confermano tutti in crescita. Il Regno Unito chiude in rallentamento ma a +8% per EUR348 milioni, mentre gli Stati Uniti (con un boom in Dicembre) crescono del 16% a 205 milioni di euro. Sono positivi anche i dati della Germania, che però con solo 46 milioni di euro è relativamente meno importante.
  • Dopo alcuni anni di difficoltà rimbalzano le esportazioni di Asti,+12% a 143 milioni, con un risultato molto positivo nel mercato americano che con 23 milioni (+50%) diventa il principale sbocco dello spumante piemontese, superando Germania e Russia, entrambi a 20 milioni. Proprio la Russia torna a crescere del 26%, mentre sono negativi i dati tedeschi, -4%.
  • Gli altri spumanti DOP sono invece calati del 9% a 199 milioni di euro. Il dato è negativo sia negli Stati Uniti, -13% a 62 milioni, sia nel Regno Unito, -9% a 50 milioni, ma sono cattivi anche i dati della Svizzera, -25% a 12 milioni, terzo mercato per questi prodotti.
  • Il “saldo” sono tutti gli altri spumanti che rappresentano 247 milioni di euro e sono in crescita del 18% sul 2017.
  • I dati generali per mercato sono riassunti nella tabella qui sotto e sono molto buoni dappertutto salvo che per il mercato cinese, calato del 12% a 13 milioni ma che rappresenta comunque meno dell’1% delle esportazioni. Vi lascio alle tabelle.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>