La tassazione del vino nell’Unione Europea – dati 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

L’argomento delle tasse sul vino è sempre delicato e, come per la maggior parte delle materie fiscali, non esiste una coerenza a livello europeo. I dati che pubblico oggi rappresentano la situazione a luglio 2018, tratta dal sito della comunità europea e segnalata da Gavin Quenney. Le tasse si esprimono in due forme: le accise applicate “per ettolitro”, che nel post sono rielaborate in equivalente per bottiglia da 0.75, e come per la maggior parte dei prodotti, l’IVA. Come potrete vedere dalle tabelle non tutti i paesi applicano le accise, diciamo che non lo fanno i paesi produttori di vino come Francia, Spagna e Italia, mentre ovviamente il vino è quasi unanimemente considerato un prodotto di consumo e dunque gli si applica l’aliquota IVA ordinaria, che viaggia in media intorno al 20-21% (22% come sapete in Italia). Per definire “quanto sono le tasse nella bottiglia di vino”, abbiamo definito tre fasce di prezzo, 5, 10 e 30 euro, espresse come prezzo della bottiglia prima delle tasse e su quello abbiamo calcolato l’impatto delle tasse. In media la tassazione sul vino fermo “aumenta” il prezzo di una bottiglia di vino fermo del 36% se costa 5 euro e del 23% se costa 30 euro. Nel caso dei vini spumanti, come potete apprezzare dal grafico sopra, si sale al 44% e 25% rispettivamente. Come anticipavo sopra, i paesi nordici che non producono vino e forse hanno anche problemi più rilevanti dei nostri di alcolismo tassano il vino per oltre il 50% del suo prezzo “ex tasse” con pesanti accise, mentre noi produttori siamo decisamente più orientati a considerare il vino come un normale prodotto di consumo. Vediamo qualche dettaglio.

  • Dei 27 paesi elencati in tabella 13 non applicano ancora un’accisa sul vino fermo e 7 sul vino spumante. L’accisa è lo strumento che “distorce” la tassazione di vini di fasce di prezzo diverse. L’accisa massima sui vini fermi è di 3.2 euro a bottiglia, applicata in Irlanda, mentre la media è di 1.3 euro. Sui vini spumanti l’accisa massima è sempre quella irlandese di ben 6.4 euro a bottiglia, mentre quella media è allineata ai vini fermi a 1.3 euro.
  • Se guardiamo alla graduatoria della tassazione media, fatta con il principio di tre bottiglie tipo, 5-10-30 euro, l’Irlanda è dunque senza dubbio il paese con la tassazione più punitiva per il vino, dato che aggiunge il 67% al prezzo di una bottiglia di vino fermo e il 110% a una di spumante, seguita dalla Finlandia, dove sia vini fermi che spumanti “aumentano” di prezzo del 64%.
  • Seguono Svezia e Regno Unito. In Svezia la tassazione è coerente tra spumanti e fermi al 53%, mentre nel Regno Unito i vini spumanti sono tassati al 63% contro il 53% dei vini fermi.
  • In ordine sparso vengono poi come vedete le repubbliche baltiche e altri paesi non produttori, come per esempio il Belgio dove si beve molto spumante che, loro malgrado subisce una tassazione piuttosto punitiva.
  • Italia, Francia e Spagna sono invece quasi totalmente immuni da accise. Per quanto durerà?
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>