Cile – produzione di vino 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La produzione di vino cileno riprende quota nel 2018 dopo due anni decisamente sotto tono. I dati del ministero dell’agricoltura indicano una produzione di vino prossima a 13 milioni di ettolitri, cioè il massimo storico raggiunto dal paese sudamericano, con una quota sempre molto importante di vini di qualità. Un aspetto interessante e differente da quello che succede negli altri paesi è la crescente diversificazione dei vitigni e lo spostamento dai rossi ai bianchi. Fino al 2014 Cabernet Sauvignon tra i rossi e Sauvignon Blanc tra i bianchi cresciuti fino a raggiungere il 50% della produzione totale, mentre da quell’anno la tendenza si è invertita e nel 2018 i due rappresentavano soltanto il 43%, soprattutto per la riduzione del peso del Cabernet Sauvignon. A guadagnare terreno, oltre allo Chardonnay, non sono però i vitigni internazionali classici quanto alcuni meno ovvii come il Pais Mission e il Pedro Jimenez. Vedremo se nascera qualcosa di interessante nei prossimi anni. Per ora concentriamoci sui dati 2018.

 

  • Con 12.9 milioni di ettolitri la vendemmia 2018 è la più generosa di sempre per il vino cileno, in crescita del 31% sul 2017 e del 15% sulla media degli ultimi 10 anni. Non lo è per la produzione di vino di qualità, che rappresenta l’82% del totale, leggermente meno della media degli ultimi anni, per un volume di 10.5 milioni di ettolitri, inferiori a due altre annate molto ricche per il Cile, il 2013 e il 2015.
  • Per quanto riguarda invece le altre categorie i vini da tavola sono in forte crescita a 1 milione di ettolitri, il triplo del 2017 e il 75% in più della media storica.
  • Come mostrano i grafici, la produzione di vini di qualità cileni si sta spostando gradualmente dai vini rossi ai bianchi. Nel 2018 la produzione di rossi cresce del 27% a 6.9 milioni di ettolitri ma resta ben sotto il record storico di 7.8 milioni del 2015. In quell’anno si produssero invece solo 3 milioni di ettolitri di vino bianco, mentre nel 2018 la quota è cresciuta a 3.6 milioni, massimo storico per la categoria.
  • Questo sta portando a una graduale diversificazione del vigneto. Come dicevamo sopra i due principali vitigni perdono peso (anche se nel 2018 il Cabernet Sauvignon è stabile) mentre appaiono nuovi nomi come il Pedro Jimenez, il Pais Mission e via dicendo, che trovate nella torta qui sotto. È un ulteriore segno del cambiamento del mercato del vino, che va inesorabilmente verso i vini bianchi, seguendo anche il graduale cambiamento delle abitudini alimentari.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>