Esportazioni di vino italiano – aggiornamento agosto 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Sebbene agosto sia un mese tra i meno significativi per le esportazioni, il progresso messo a segno dagli spumanti è stato molto evidente, con un incremento del 20% che ha compensato la debolezza dei vini in bottiglia, i quali si stanno gradualmente indebolendo dopo un eccellente inizio anno. Il saldo del mese è +4.4% esattamente allineato alla variazione dei 12 mesi e a quella dei 9 mesi (coincidenza decisamente rara!). In questo post un po’ interlocutorio, prima della stagione chiave di settembre-novembre per gli spumanti, vi ho messo un paio di grafici che confrontano il valori/volumi del 2017 con quelli degli ultimi 12 mesi terminanti ad agosto. Oltre a quella della crescita del 4.4% su base 12 mesi contro 12 mesi chiusi allo stesso mese, vi indicano una ulteriore informazione. Se di qui a fine anno le esportazioni non crescessero più chiuderemo l’anno a +2.7%, con i vini in bottiglia praticamente stabili (+1%), i vini sfusi a +3% e i vini spumanti a +8%. Sarà certamente meglio, anche se il contesto internazionale non è più così promettente come qualche mese fa e il quadrimestre settembre-dicembre 2017 ebbe una crescita del 4.5%, concentrata nei mesi di ottobre e novembre, quando gli spumanti hanno il loro periodo stagionalmente più importante. Passiamo ai numeri.

 

  • Negli 8 mesi chiusi ad agosto le esportazioni di vino crescono del 4.4% a 3.9 miliardi di euro. Con i 2.23 miliardi dell’ultimo quadrimestre 2017, il saldo sui 12 mesi è di 6.16 miliardi di euro, stessa crescita.
  • Anche nel mese di agosto si è assistito a un calo dei volumi, -11% a 1.45 milioni di ettolitri. Il saldo da inizio anno è in calo del 10% (12.7m/hl), mentre sui 12 mesi siamo poco sopra 20 milioni di ettolitri (20.3). i minori volumi sono soprattutto relativi ai vini sfusi, i cui volumi calano del 24% (più che compensasti peraltro dai prezzi medi di vendita che hanno raggiunto 1 euro negli ultimi 12 mesi, +35%).
  • Guardando ai mercati più importanti appare molto evidente la brutta piega che sta prendendo (di nuovo) il mercato inglese, -12% nel mese e in rapido deterioramento sugli ultimi 12 mesi. È per ora concentrato nei vini fermi, ma anche per gli spumanti si stanno alternando mesi positivi e negativi, peraltro compensati dalla forte crescita nel mercato americano. Non vi metto grafici sulla Cina, ma le cose non stanno andando bene come negli anni scorsi.
  • Restando ai dati di agosto, per gli USA è stato un ottimo mese, +14%, che ha aiutato il saldo da inizio anno a toccare quota +4%. I dati degli altri paesi sono gioco forza molto volatili viste le cifre basse del mese. Meglio aspettare i dati di settembre per capire un po’ meglio se alcuni paesi molto performanti (Francia, Svezia, Svizzera e Olanda in particolare) che ad agosto hanno mostrato segnali contrastanti hanno cambiato direzione.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>