Esportazioni di vino italiano – aggiornamento luglio 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Luglio è l’ultimo mese importante prima del rush finale dell’anno con il periodo critico per i vini spumanti. I dati appena pubblicati sono incoraggianti, con un incremento del 6% delle esportazioni, fatto dal +5% dei vini fermi e un +12% per i vini spumanti. L’andamento è dunque leggermente superiore al primo semestre e vi avvicina ai nostri vicini francesi e spagnoli, che stanno crescendo a ritmi leggermente superiori. Tra i principali mercati, riprendono vigore i paesi nordici e il mercato cinese, mentre come già ampiamente pubblicizzato sono ferme le esportazioni in USA, soprattutto a causa dei vini fermi in bottiglia compensati dagli ottimi dati sui vini spumanti. Nel segmento dei vini spumanti altre conferme: il Regno Unito non è cresciuto, mentre continua il boom in Europa continentale e nei paesi nordici. Passiamo ai dati.

  • Luglio chiude con un incremento del 6% delle esportazioni a 552 milioni, a fronte di un calo del volume esportato del 5% a 1.8 milioni di ettolitri. Sono numeri discreti, che si innestano su un andamento positivo dell’anno scorso (+10%).
  • Da inizio anno le esportazioni crescono dunque del 4.4% (3.5 miliardi di euro), a fronte di un calo del 9% del volume (11.2 milioni di ettolitri). I prossimi mesi diventano più difficili da superare, soprattutto guardando al periodo critico per gli spumanti di ottobre e novembre, che portarono lo scorso anno un forte impulso (+8% e +7%).
  • Passando alle principali geografie, si conferma il graduale rallentamento del mercato ameriano. Nel 2017 la crescita fu del 4% siamo ora al 2% sugli ultimi 12 mesi, in costante deterioramento. Tiene un ritmo dell’1% la Germania che raggiunge una quota annua di 1 miliardo di euro, mentre il Regno Unito, +6% nel 2017, sta rapidamente decelerando, e chiude i 12 mesi a luglio al +1.5%. Svizzera e Francia sono i due grandi mercati in crescita di oltre il 10%, insieme alla categoria che chiamiamo “resto del mondo”, anch’essa +10%.
  • Sul mercato americano siamo andati in negativo sui vini fermi in bottiglia (-1%), mentre teniamo un ritmo ottimo sugli spumanti (+14%). La stessa divergenza si registra per Germania e Regno Unito, anch’essi andati in negativo sui vini in bottiglia, ma ancora positivi sui vini spumanti. Svizzera, Paesi Bassi e Cina, in crescita sui 12 mesi dell’11%, 7% e 19% rispettivamente sono i mercati “buoni” per i nostri vini fermi.
  • Nel segmento degli spumanti la crescita continua a essere guidata dal Prosecco, che mantiene un ritmo di crescita del 15% sia in luglio che nei primi 7 mesi. Questo dato, unito ai buoni numeri dell’Asti e degli altri spumanti compensa il calo degli spumanti DOP, -7% nei primi 7 mesi ma -12% nel solo mese di luglio. Questa resta l’unica nota stonata delle esportazioni di spumanti, da riconsiderare quando verrà il periodo chiave per questo tipo di prodotti.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>