Importazioni mondiali di vini spumanti – aggiornamento 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il tabellone delle importazioni mondiali di spumante è un bel tabellone: è pieno di numeri positivi e in crescita, salvo uno, quello del Regno Unito. Il mercato come abbiamo visto qualche giorno fa cresce in modo sano, +9% nel 2017 e +6% all’anno dal 2012 a questa parte (+4% su 10 anni). La spinta viene da tutto il mondo, ma in valore assoluto volendo identificare due mercati particolarmente importanti per la crescita, certamente gli Stati Uniti, diventati nel 2014 il primo mercato e oggi al 19% delle importazioni mondiali, e il Giappone, terzo mercato mondiale dopo USA e Regno Unito, che sta mostrando una forte accelerazione negli ultimi due anni. Una curiosità: in questa classifica anche l’Italia figura molto bene avendo importato 185 milioni di euro di spumanti nel 2017, +12%. Siamo ancora lontani dai 300 milioni di 10 anni fa, ma dal 2015 la direzione è cambiata. Nota per i lettori: i dati sono qui presentati in valore in euro e in dollari. Non includiamo la tabella dei volumi, a causa delle evidenti discrepanze nei dati di importazioni di alcuni paesi (USA in particolare). Passiamo ai numeri.

 

  • Il commercio mondiale di spumanti ha raggiunto quota 6.6 miliardi di dollari nel 2017, +11% sul 2016. Se tradotto in euro si tratta di 5.8 miliardi, +9%. Il ritmo di crescita degli ultimi 5 anni è del 3% se tradotto in dollari e del 6% se visto in euro.
  • Il maggiore importatore mondiale sono dal 2015 gli USA, con 1.25 miliardi di euro di import, +11% sul 2016 e un ritmo del 9% annuo.
  • Come abbiamo anticipato, il Regno Unito ha subito un nuovo calo nel 2017 a 859 milioni di euro, -4%. In sostanza il mercato inglese è tornato a 5 anni fa ed è ben lontano dal miliardo di euro di importazioni toccato nel 2014.
  • Il terzo mercato è da qualche anno il Giappone, con 543 milioni di euro, +11% nel 2017 e +5% annuo dal 2012. Viene poi la Germania, che è tornata a crescere nel 2015 e anche lo scorso anno ha visto crescere l’export dell’8%. Se aggiungiamo anche Singapore, che importa 346 milioni di euro nel 2017, +24% (ma che probabilmente riesporta in altri paesi), arriviamo a 3.5 miliardi di euro, quindi circa la metà del totale. Segno che il fenomeno degli spumanti è veramente diventato globale.
  • E la Cina? La trovate in fondo alla tabella, 75 milioni di euro di import (un volume stimato di 129mila ettolitri), +33% sul 2016. Sembra quindi che il fenomeno spumanti stia cominciando a prendere piede anche in questo mercato!
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>