I risultati 2016 delle aziende produttrici di spumante – rapporto Mediobanca

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La previsione dell’anno scorso era che il segmento degli spumanti non sarebbe riuscito a trasformare completamente l’ottimo andamento delle vendite in profitti si è avverata. I dati 2016 che presentiamo oggi sono relativi alle principali aziende spumantistiche italiane (32 aziende) con oltre 1.5 miliardi di euro di fatturato (dato 2017) e esportazioni per circa 650 milioni (contro circa 1.4 miliardi totale riportato da ISTAT). Come vedete dalla tabella allegata, a fronte di un incremento delle vendite del 13%, nel 2016 il margine operativo lordo è cresciuto soltanto del 4% e l’utile operativo del 2%, a causa dell’incremento del costo delle materie prime (costato circa 7 punti percentuali dei circa 10 persi per strada nel 2016), del costo del personale (1 punto) e dei maggiori investimenti richiesti dall’attività e dalla crescita (2 punti). A “salvare” l’anno sono intervenuti dei benefici “sotto la linea” operativa come i proventi finanziari e straordinari che hanno comunque consentito di realizzare un utile netto cumulato di 86 milioni, il più elevato dal 2008 a questa parte. Il confronto con il campione totale naturalmente è impari: come vedrete dai grafici interni il differenziale sulla crescita delle vendite si allarga (ma si restringe quello sui margini). Il 2017 potrebbe essere un anno simile: le vendite crescono del 10% e probabilmente gli utili cresceranno di nuovo un po’ di meno, mentre il 2018, con un ulteriore moderazione della crescita delle vendite potrebbe portare a una minore tensione sui prezzi delle materie e quindi, finalmente, a un miglioramento dei margini. Vedremo se la proiezione è corretta! Intanto commentiamo qualche numero insieme.

  • Le vendite delle 32 aziende considerate sono cresciute del 12% nel 2016 a 1.4 miliardi di euro, con un andamento positivo sia delle esportazioni (+11% per il campione a 581 milioni) che delle vendite domestiche (+14% a 827 milioni). La proiezione provvisoria sul 2017 porta a un ulteriore +10% a 1.55 miliardi di euro, con un +12% per l’export e un +8% per le vendite domestiche.
  • Come dicevamo sopra, l’ottimo andamento commerciale è stato mangiato dai costi di approvvigionamento ed esterni, che hanno fatto calare il valore aggiunto dal 16.9% al 15.8%. Il costo del personale cresce del 7% mentre gli ammortamenti sono balzati del 10% visto che il comparto continua a investire pesantemente (come vedete sotto gli investimenti sono quasi il doppio degli ammortamenti, segno che questa tendenza continuerà). Ne risulta un MOL in crescita del 4.5% a 125 milioni e un utile operativo soltanto del 2% più alto del 2015, 90 milioni, per un ritorno sul capitale che cala dall’11% del 2015 al pur sempre interessante 10% del 2016.
  • Sotto la linea operativa ci sono meno oneri finanziari, un forte contributo dei componenti straordinari e un calo della tassazione dal 30% al 24%, che determina un balzo dell’utile netto da 58 a 86 milioni di euro.
  • La parte finanziaria vede un incremento del debito da 342 a 434 milioni di euro, quasi 100 milioni in più legato per la maggior parte all’aumento del capitale circolante (+70 milioni) e degli investimenti di 68 miloni, in ulteriore crescita rispetto ai 60 del 2015.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>